Umbria Mobilità sotto attacco, il M5S: "Presenteremo esposto alla Corte dei Conti"

A scendere in campo questa volta è l'aspirante consigliere regionale Luigi Cesarini che ha voluto fare il punto sulla cessione di Umbria Mobilità a BusItalia

Sotto campagna elettorale gli animi si surriscaldano ed i grillini sembra proprio che non vogliano essere da meno. A scendere in campo questa volta è l'aspirante consigliere regionale Luigi Cesarini che ha voluto fare il punto sulla cessione di Umbria Mobilità a BusItalia, dopo che la presidente Marini e l'assessore Rometti l'hanno considerata un vero e proprio successo.

“A parere del M5S – ha esordito il candidato - non può dichiararsi un successo lo scorporo di una società, nata nel 2010 e venduta appena 4 anni dopo, a causa dell’enormità di debiti accumulati, in una 'bad company' - ossia Umbria Mobilità TPL - cui sono rimasti in capo i debiti pregressi (che al 31/12/2013 erano di circa 75 milioni di euro), ed in una 'good company' - ossia Umbria Mobilità Esercizio - la parte appetibile venduta a BusItalia, società controllata dal gruppo Ferrovie dello Stato”.

Per i pentastellati si può dunque parlare di “un vero e proprio disastro, pagato da tutti i cittadini umbri; un’operazione di collettivizzazione delle perdite e privatizzazione dei profitti".

Ma veniamo ai numeri: “Nel mese di febbraio 2014 – snocciola il candidato Luigi Cesarini -, non riuscendo più gestire il dissesto, è stato venduto il 70% del capitale sociale di Umbria Mobilità Esercizio a BusItalia (che veniva presentato come il salvatore della situazione) per un valore di 21,1 milioni di euro,. Nel mese di luglio, invece, è stato venduto il restante 30% del capitale sociale, sempre a BusItalia, per un valore di 11,7 milioni”. Calcolatrice alla mano sembrerebbe proprio che l'affare non ci sia stato, almeno per i grillini, dato che “se tutto il capitale sociale fosse stato venduto con la stessa percentuale della prima trance si avrebbe avuto un guadagno di 6,33 milioni di euro in più”. Nei prossimi giorni il M5S presenterà un esposto alla Procura della Corte dei Conti affinché venga attentamente valutato se vi sia stato un danno erariale nei confronti dei Cittadini umbri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Umbria torna in zona gialla: cosa cambia dall'11 gennaio

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'11 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento