menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ballottaggio Todi, Ruggiano sindaco e il Pd si interroga. Leonelli: "Manca coerenza nelle alleanze..."

Tra il silenzio generale nel centrosinistra, parla e analizza il voto il segretario regionale del Pd Giacomo Leonelli:"È evidente che gli elettori si aspettano un orientamento coerente sulle scelte strategiche e sulle alleanze”

Per 26 voti in più il centrodestra con sindaco Antonino Ruggiano è tornato alla guida di Todi dopo essere stato sconfitto 5 anni fa proprio da Carlo Rossini del Pd. A sinistra, in Regione e dai socialisti (storico alleato) non arrivano commenti. C'è chi pensa ad una riconta sperando in un miracolo. Ma c'è chi ci mette la faccia come il segretario regionale del Pd Giacomo Leonelli che, seppur prudente, analizza la sconfitta del sindaco Rossini e dell'intero centrosinistra. 

“Sapevamo che a Todi, che non è certo da annoverare tra le roccaforti del centrosinistra – continua Leonelli – giocavamo una partita difficile anche alla luce dei risultati elettorali delle passate tornate, con la coalizione sotto di sette punti alle regionali e di tre alle politiche. E tutto si inserisce in un quadro nazionale che rimane preoccupante, con sconfitte importanti, con un dato complicato, soprattutto nelle 'regioni rosse' (Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria) dove portiamo a casa appena un ballottaggio su 11, e con la manifestazione evidente che tutto è ormai contendibile”.

Insomma le regioni rosse, almeno ai ballottaggi e nei grandi centri, non sono più così rosse. Con una Lega in forte espansione, il ritorno di Forza Italia e civici sempre più pronti ad allearsi con il centrodestra. Colpa anche delle politiche nazionali del Pd? Leonelli non lo dice ma fa capire che bisogna cambiare passo almeno sulla strategia delle alleanze: “Più in generale – conclude Leonelli - il voto di ieri dovrà interrogarci più profondamente su alcuni aspetti non più rinviabili: lo schema delle larghe intese forzate a livello nazionale e delle alleanze a sinistra a livello locale non regge più e avvantaggia il centrodestra. È evidente che gli elettori si aspettano scelte nette e coraggiose che restituiscano il senso di un impegno forte per i territori e un orientamento coerente sulle scelte strategiche e sulle alleanze”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento