Beffa della "busta pesante", da domani scatta la restituzione, Prisco e Zaffini (FdI): "Vergogna"

Dopo il pasticcio sulle macerie, ora è il turno dei pagamenti delle ritenute fiscali e dei contributi previdenziali e assistenziali

I terremotati dell’Umbria e delle altre zone del cratere da domani dovranno iniziare a restituire la “busta pesante”.

È “l’ennesima beffa di un Governo che vuol fare cassa per il reddito di cittadinanza, pagandolo con i soldi dei terremotati, in zone dove della ricostruzione non si vede neanche l’ombra”. Così i parlamentari dell’Umbria di Fratelli d’Italia, Emanuele Prisco e Franco Zaffini, che chiedono al Governo un intervento immediato per rinviare ancora la restituzione della busta pesante. In ogni caso i rappresentanti di FdI presenteranno un emendamento al “Decreto Milleproroghe”, in discussione alla Camera.

“Nel DL Terremoto, da poco licenziato dalle Camere, è stato prorogato lo stato di emergenza e contestualmente introdotti alcuni correttivi alla restituzione, come la riduzione al 40% del dovuto, battaglia di Fratelli d’Italia sin dall’inizio della legislatura. Con lo stato di emergenza in molti avevano dato per scontato che fosse rinviata anche la restituzione della busta pesante, ma non è così” scrivono i due parlamentari che denunciano quindi l'ennesima beffa a danno delle popolazioni colpite dal sisma del 2016, spiegando che, “dopo il pasticcio sulla questione delle macerie (si prorogava la raccolta ma non la gestione dei siti di stoccaggio), ora è il turno dei pagamenti delle ritenute fiscali e dei contributi previdenziali e assistenziali, il cui versamento, secondo l’articolo 8 del Decreto Sisma deve improrogabilmente iniziare dal 15 gennaio, ossia da domani,senza che agli interessati, ai consulenti fiscali o ai CAF sia arrivata alcuna informativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È necessario dare risposte serie a chi aspetta da 3 anni il ritorno ad una situazione di normalità, visto che la ricostruzione appare sempre più un miraggio. Non è pensabile – concludono Prisco e Zaffini – chiedere indietro i soldi e non aver dato una risposta a questi territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 6 agosto: altri tre positivi, aumentano i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento