menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valle dei Fuochi umbri, chiesti controlli sulle falde acquifere: "Il rischio contaminazione legato ai tumori"

La Valle dei Fuochi umbra - in Valnestore dove sarebbero stati seppelliti sotto i campi agricoli scarti tossici, polveri delle centrali e altri rifiuti - continua a tenere banco sia presso in Parlamento che al Ministero dell'Ambiente. Tutto questo grazie al lavoro dei parlamentari umbri che, dopo lo scoppio dello scandalo, hanno preso a cuore la questione per cercare di arginare tutti i potenziali rischi per la salute dei cittadini. Tutti i dati sanitari indicano un elevato, quando anomalo, casi di patologie oncologiche.

La deputata di Scelta Civica, Adriana Galgano, ha chiesto tramite una interrogazione "controlli immediati sui campi e sulle falde acquifere" per verificarne sia la tossicità e il "temuto collegamento con l’incidenza dei tumori nella zona". Rilievi immediati e analisi per mettere in piedi una eventuale mappa dove poter interdire anche quegli appezzamenti di terra "al di sotto dei quali si celano gravi pericoli per la salute umana”.  “Inoltre, ho chiesto di introdurre procedure di controllo e vigilanza sul ciclo del recupero e dello smaltimento dei rifiuti per evitare che si ripetano episodi gravissimi come questo colmando così un vuoto normativo che si è perpetuato per troppi anni”: ha concluso nell'interrogazione la deputata umbra Adriana Galgano. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento