Politica

Lo studentato della discordia, nessuno lo vuole e non si farà: ma chi paga il contenzioso? La teoria del cerino in mano

Al 99,9 per cento nessuna struttura sorgerà davanti alla meravigliosa chiesa dei templari di San Bevignate. Ma è partita la gara ad evitare di pagare i danni all'azienda che bene o male ha vinto la gara d'appalto quando tutto sembrava andare bene. Ecco tutti i movimenti

A questo punto nessuno lo vuole (lo studentato davanti alla Chiesa Templare di San Bevignate). L'Adisu e la Regione - nel giorno della presentazione del commissario straordinario dell'agenzia Maria Trani - hanno ribadito che per il momento sono sufficientemente "riparati" con il nuovo studentato preso nella cittadella Monteluce che dovrebbe essere a breve messo a disposizione per la futura assegnazione degli spazi agli studenti dell'Unipg, Università per Stranieri, Conservatorio e Accademia Belle Arti.

E quindi non c'è necessità di quel vecchio progetto di studentato (targato 2002), finanziato (sei milioni dal Governo e 5 dalla Regione) e poi bloccato dai vari ricorsi e contro-ricorsi. Non lo vuole il Comune anche sei ai tempi che furono fece una variante ad hoc per poterlo realizzare. Non lo vuole la Soprintendenza pronta a fermare qualsiasi ruspa pronta a muoversi nel cantiere. Ma la partita è ancora aperta e ci vuole - come ha detto l'assessore Bartolini - ponderazione e nervi saldi. Ora lo spettro che fa più paura è quello della richiesta di risarcimento da parte dell'azienda che quell'appalto ha vinto. La quantificazione è ancora tutta da fare: ma c'è chi ipotizza un 10 per cento dell'intero appalto (1milione 100mila euro) o il 20 per cento (altri 2milioni di euro). E le grandi domande sono: chi dovrà pagare? Chi ha fatto il progetto (Regione e Adisu)? Chi ha fatto la variante (Comune)? O tutti quanti? Chi ha concesso tutte le licenze tanto è vero che si proceduti con un gara d'appalto? Chi decisamente non rischia nulla è l'Università degli Studi che non si è mai pronunciata a riguardo dello "studentato-mostro".

Ponderazione e nervi saldi sono fondamentali perchè il primo che molla o sbaglia rischia di pagare tutto. L'assessore Bartolini nelle prossime ore, tramite Adisu, cercherà di muovere il gioco: “Abbiamo chiesto al nuovo commissario di scrivere sia alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria sia al Comune di Perugia per conoscere quali sono i loro intendimenti in merito. Vogliamo infatti disporre di tutti gli elementi necessari per la gestione di una vicenda complessa e che richiede la massima ponderazione. C’è infatti un contenzioso in corso, con ingenti risorse bloccate e nostro dovere è anche quello di tutelare le esigenze di bilancio, a tutela dei contribuenti umbri”.

In Regione, in via ufficiosa, si attacca il vice-sindaco Barelli: "Quanto era a guida di italia nostra dava la colpa al comune, ora che è il vice di Romizi dice che deve pagare la Regione... mah". Barelli, in nome dei conti del Comune non vuole fare nessun primo passo e ha chiesto di sapere lumi dalla Soprintendenza. L'unica certezza è che a breve dovrebbero partire una serie di incontri per trovare il modo di salvare il territorio e San bevignate (dallo studentato) e salvare risorse (pagare un po' per uno). La grande paura è ora a chi resterà il cerino in mano e non lo studentato che non verrà più realizzato a questo punto. Ps: sbloccare questa sicutazione paradossale permetterà di sbloccare anche 5milioni di euro di risorse dalla Regione, ancora bloccati nei bilanci per lo studentato di via del Giochetto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo studentato della discordia, nessuno lo vuole e non si farà: ma chi paga il contenzioso? La teoria del cerino in mano

PerugiaToday è in caricamento