Costi politica in Umbria, operazione trasparenza: le spese del Pd

Dopo la pubblicazione online delle spese da parte del Gruppo dell'Udc, in Consiglio Regionale, anche il Pd rende note le proprie spese riferite al bilancio del 2011

Dopo la pubblicazione sul web delle spese da parte del Gruppo consiliare dell'Udc, anche il Pd rende note le proprie spese riferite al bilancio del 2011 con una nota dettagliata firmata dal presidente Renato Locchi e Fabio Cappuccini, responsabile di segreteria del gruppo.

I democratici ricordano che nell'inviare il rendiconto delle spese del 2011 del Gruppo del Partito democratico al Consiglio regionale dell'Umbria,  che la Regione ha messo a bilancio 2011, € 1.457.733,58 per i Gruppi regionali. Di questi 489.600,00 € sono per il Funzionamento (art. 5 Lr 3/96) e 968.133,58 € per il Personale (art. 4 comma 3 Lr 3/96),

I contributi ricevuti nel 2011 dal Gruppo Partito Democratico, composto da 13 consiglieri, sono così suddivisi: contributi per i funzionamento € 140.462,64 e contributi per il personale € 179.297,57. Mentre il 2011 è stato chiuso con un avanzo pari a 62.272,03 euro.

Nel descrivere le singole voci di spesa relative al medesimo anno, specifichiamo che ogni Gruppo consiliare è tenuto a presentare una nota annuale di riepilogo da pubblicare sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria. Tutti i dati, entrando a far parte del bilancio del Consiglio regionale, sono sottoposti ai controlli interni ed esterni, compreso quindi quello della Corte dei Conti.

La legge regionale 3/96 (Contributo alle spese di funzionamento) indica che i contributi erogati per il funzionamento del Gruppo possono essere spesi in 6 macroaree: “Studi e convegni”; “Libri, giornali e riviste”; “Stampa, manifesti e rappresentanza”; “Postali, telefonia, cancelleria”; “Trasferte e missioni”; “Personale”. Nel 2011 il Gruppo non ha sostenuto spese per consulenze.

"Studi e convegni": pari a  2.088,00 euro sono inclusi 4 appuntamenti regionali organizzati dal Gruppo e da singoli Consiglieri.
Nei 5.634,48 euro di “Libri, giornali e riviste”, 3.110,08  euro sono stati spesi per l'acquisto del servizio Ansa. I rimanenti 2.524,40 euro sono il costo sostenuto per l'acquisto dei quotidiani locali e nazionali.

La voce “Stampa, manifesti e rappresentanza”- per un totale di 30.362,05 euro, comprende numerose fatture per le varie campagne di affissione che il Gruppo ha realizzato durante l'anno. Sono in totale 13, di importo variabile fra i 632,40 e i 6.996,00 euro.

Per quanto riguarda la voce “Postali, telefonia, cancelleria”, per un totale di 2.155,62 euro, circa 200,00 sono stati spesi per l'abbonamento di un servizio BlackBerry; 250,00 sono la spese per la cancelleria; i rimanenti 1.700,00 euro sono spese postali, sia per francobolli che per raccomandate.

La voce “Trasferte e missioni” per un totale di 42.616,92 euro è da scorporare come segue: 30.000 euro sono stati spesi per la presenza del Gruppo, con proprio materiale, spazi e rappresentanti, all'interno di numerose manifestazioni locali, regionali e nazionali svolte nel territorio regionale. 12.617,92 euro sono stati impegnati per i rimborsi ai consiglieri. La cifra riguarda l'intero Gruppo composto, come già ricordato, da 13 consiglieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poiché quest'ultima voce, continua la nota dei democratici, è di rilevante importanza è ulteriormente approfondita nel seguente dettaglio:

1. 9 rimborsi benzina, con importo da un minimo di 38,49 euro ad un massimo di 664 euro per un totale di 1347,65 euro;

2. 32 incontri politici ed istituzionali – per 13 consiglieri durante tutto il 2011 – che hanno comportato costi conviviali di diversa natura la cui spesa è ricompresa da un minimo di 44,51 euro ad un massimo di 700 euro per un totale di 5901,33 euro. Nelle colazioni di lavoro con pochi presenti c'è in via normale il dettaglio dei commensali. Gli incontri politici ed istituzionali con costi conviviali sono prevalentemente avvenuti a Perugia, Gubbio ed Orvieto;

3. Per i buoni pasto dei dipendenti del gruppo sono stati impegnati 2716,35 euro;

4. Per il funzionamento del gruppo consiliare la spesa complessiva è di 1043,70 euro. La cifra comprende la gestione del conto; l'acquisto di acqua e caffè a beneficio dei consiglieri, dei dipendenti e di coloro che frequentano i locali del gruppo per incontri politici ed istituzionali; l'acquisto di libri di approfondimento, tra cui “La Cricca”, Sergio Rizzo – Rizzoli, 2011 e “Il Tesoriere”, Mauro Agostini – Aliberti editore 2009; altre spese minime di funzionamento;
5. Per spese di viaggio finalizzati alla partecipazione a convegni di particolare rilevanza – due in Italia ed uno all'estero – sono stati spesi 1608,89 euro.

La voce “Personale”, concludono i democratici, comprende i costi sostenuti per il personale di supporto del Gruppo. L'art. 3 della Lr 3/96 legifera che i Gruppi con più di 9 Consiglieri hanno diritto all'attivazione di 6 contratti. Uno di categoria D7, con il ruolo di Responsabile di Segreteria, e 5 di categoria C1.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento