Speciale EUmbria - Assistenza sanitaria in Europa: anche gli Umbri possono usufruirne, con tanto di rimborsi

Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE- Europe Direct Terni – Comune di Terni – Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea".

eumbria_logo-3

*************************

I cittadini dell’UE hanno la possibilità di potersi curare in un Paese diverso dal proprio ed ottenere il rimborso spese dallo Stato in cui vivono. Il mito dei Meridionali italiani che percorrono centinaia di chilometri pur di accedere a un miglior livello di assistenza sanitaria, rispetto a quello che è in grado di offrirgli la propria regione, potrebbe estendersi al resto della popolazione del Paese, anzi, dell’Unione Europea. Infatti, grazie alla normativa europea, chi soffre di una patologia che non può essere curata nel proprio Paese d’origine o chi non può attendere di essere curato presso le strutture ospedaliere della propria Nazione, viste le lunghe liste d’attesa, può ora accedere ai sistemi sanitari di altri Paesi facenti parte dell’UE.

Le norme dell’UE sull’assistenza sanitaria transfrontaliera garantiscono a tutti i cittadini il diritto di beneficiare di un trattamento medico programmato (come una visita specialistica, una terapia per una specifica patologia medica o un’operazione chirurgica) in un altro Paese dell’UE alle stesse condizioni dei residenti di quello Stato. In più, l’assicurazione sanitaria nazionale copre, almeno in parte, i costi necessari per l’ottenimento di un trattamento all’estero. Il rimborso spese dovrebbe essere pari a quello dei costi che si sarebbero dovuti sostenere nel proprio Paese d’origine.

L’Indicatore multidimensionale dell’Umbria 2018, che si basa su dati per lo più del 2016 e di fonte Istat, mostra come la nostra regione sia tra le prime in Italia per indice di gradimento in relazione all’assistenza medica e infermieristica. Nonostante l’Umbria, quindi, risulti tra le migliori regioni italiane per salute e sanità può sempre risultare utile tenere presente la possibilità di farsi curare all’estero. Chi si occupa di fornire informazioni ai pazienti interessati all’assistenza sanitaria transfrontaliera è il Punto di Contatto Nazionale (NCP), istituito presso il Ministero della Salute. Per maggiori indicazioni su questo diritto tutto europeo si può contattare l’NCP italiano attraverso il form online
https://www.salute.gov.it/portale/temi/p_sendMailNCP_ITA.jsp oppure tramite mail al ncpitaly@sanita.it . La salute è un diritto di tutti e l’UE, con l’aiuto dei suoi Stati membri, si impegna ogni giorno a salvaguardarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento