Sanitopoli, Monacelli (Udc): "Scoppia lo scandalo e la Marini in ferie"

Sono appena passate 24 ore da quando la Procura di Perugia ha chiuso le indagini su Sanitopoli e sulle assunzioni della Asl 3 di Foligno che sulla Giunta di centrosinistra piovono polemiche

Procura di Perugia

Il consigliere regionale e capogruppo dell'Udc, Sandra Monacelli interviene sul caso Sanitopoli e punta il dito contro l'attuale Giunta Regionale e il suo presidente, che in un momento politico-giudiziario così importante non hanno revocato la decisione di prendersi le ferie d'agosto.

"Nell'attesa che la magistratura faccia il suo corso, pur sospendendo il giudizio sui fatti che sono oggetto di indagine, ritengo, a seguito delle notizie apparse sulla stampa, ribadire la valutazione di evidente ed incomprensibile inopportunità della decisione assunta dalla Marini alla vigilia delle sue ferie estive, e che gia' ho peraltro espresso nell'imminenza della riassegnazione delle deleghe all'ex assessore Riommi''; afferma la Monacelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, l'Udc rimprovera alla Marini la colpa di non aver nominato subito un nuovo assessore alla Sanità dopo l'abbandono di Riommi: "la pressione esercitata da più parti nei confronti della presidente Marini, di cui sembrava eccessiva l'ostinazione a mantenere nelle sue mani, per oltre otto mesi, la delega alla sanità, ha indotto, unitamente ad una superficiale valutazione delle vicende giudiziarie e politiche umbre, ad un azzardato superamento della anomalia ed il clamoroso reintegro dell'assessore Riommi trovava senso solo negli strani regolamenti di conti all'interno del Pd, diviso tra equilibri territoriali e correntizi. Inquieta, in tutte queste vicende l'evidente forzatura con la quale la maggioranza di sinistra dell'Umbria, in profonda crisi di identita', ha pensato di sopravvivere alle difficoltà puntando contestualmente sulle lezioni di superiorità morale e anticipando quasi a volerle orientare le conclusioni delle indagini giudiziarie. Il buon senso avrebbe richiesto una bella dose di prudenza''; conclude Sandra Monacelli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

  • La Tesei firma l'ordinanza: scuola, mezzi pubblici, assembramenti centri commerciali, alcol e stop sale slot

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento