menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos Sanità, la denuncia: "Incentivi extra ai dipendenti della Usl 1, un fatto sconcertante"

A denunciarlo il consigliere regionale d'opposizione Claudio Ricci: "Ampia disinvoltura e poca trasparenza"

“Un fatto sconcertante” nella sanità dell’Umbria. E nel cuore della Regione. "Una delibera del direttore generale facente funzione, approvata in itinere di nomine che hanno determinato la crisi della Giunta Marini, ha assegnato fondi economici incentivanti, ed extra rispetto alle risorse generali, a dipendenti della Usl 1, con ampia disinvoltura e poca trasparenza individuando i beneficiari solo con la matricola interna". A denunciarlo il consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente). E ancora: "Credo di avere dimostrato un atteggiamento incisivo ma propositivo, ma questa decisione non è accettabile e dovrebbe determinare una immediata revoca con verifica da parte degli organi di controllo: rendo pubblico il fatto per sollecitare tale azione immediata. Sarebbe inutile la giustificazione eventuale con la solita frase 'la legge lo consente' in quanto, soprattutto in questo momento, la decisione non è opportuna e non ci sono giustificazioni".

E non è finita qua: “Sarebbe necessario pensare - prosegue Ricci - , più che ad incentivi extra al personale, a nominare direttori e dirigenti in base al merito, diminuire i tempi di attesa per gli esami, attivare la cartella sanitaria informatica, realizzare completamente il Centro regionale di acquisti sanitari e sviluppare un sistema sanitario ottimizzato, con una unica Asl e una unica Azienda Ospedaliera con sede a Perugia e a Terni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento