rotate-mobile
Politica

Rendiconto 2023 Perugia: in un anno recuperati 10milioni di evasione, avanzo positivo da 6 milioni

In termini di tempi di pagamento il 2023 registra una media di 0,25 giorni evidenziando il rispetto degli stessi

Approvato dalla Giunta comunale del sindaco Romizi lo schema di rendiconto 2023 che evidenzia un risultato di gestione al 31 dicembre di circa 39 milioni di euro, di cui 35 per la parte corrente e 4 per quella capitale. Il risultato di amministrazione è stato di circa 141 milioni di euro e ha consentito non solo il riassorbimento integrale dell’intero disavanzo residuo di circa 10,3 milioni di euro (8,3 derivante dal riaccertamento straordinario dei residui anno 2014 e 2 milioni di euro derivante dal Fondo anticipazione liquidità contratto nel 2013), ma anche il conseguimento, per la prima volta dopo almeno 10 anni, di un avanzo positivo di 5,7 milioni di euro. Come si ricorderà, il disavanzo iniziale da riaccertamento era pari a euro 34,6 milioni e lo stesso si sarebbe dovuto recuperare nel 2042; invece, nell’arco di soli 9 anni l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Andrea Romizi è riuscita nella straordinaria operazione di risanamento dei conti. 

“I risultati conseguiti – ha detto l’assessore Bertinelli - attestano il grande impegno e l’importante lavoro che l’amministrazione comunale ha svolto nel corso del mandato ricevuto implementando e rendendo più efficienti i servizi resi alla cittadinanza e puntando alla realizzazione di importanti opere pubbliche, ultimate e in corso, volte ad un concreto ed effettivo miglioramento della vivibilità e della fruibilità della nostra città”.

LOTTA ALL'EVASIONE - Il 2023 è stato anche caratterizzato da un’intensa attività di monitoraggio volto al recupero dell’evasione che ha registrato valori complessivi di oltre 10 milioni di euro con conseguente impatto positivo sul fronte entrate comunali.

DATI E CASSA - Relativamente alla gestione della tesoreria al 31.12.2023 si è registrato un saldo di cassa di 80,6 milioni, con un incremento significativo rispetto all’anno precedente. Si rammenta, inoltre, che a partire dall’esercizio 2019 non sono presenti anticipazioni di tesoreria non restituite a fine anno, e, comunque, dall’esercizio 2022 l’Ente non ha fatto più ricorso all’anticipazione di tesoreria, consentendo un risparmio considerevole sugli interessi passivi.  In termini di tempi di pagamento, il 2023 registra una media di 0,25 giorni evidenziando il rispetto degli stessi.

INVESTIMENTI - Infine, per quanto riguarda gli investimenti, il rendiconto 2023 evidenzia una spesa media pro capite in forte crescita, pari a 199 euro (nel 2022 era di 119 euro), per un indebitamento totale dell’ente di 99,4 mln, di cui 5,3 milioni di nuovi mutui volti al recupero dello stadio Curi. È, infine, importante segnalare che il trend del debito residuo registra una riduzione del 40% circa tra il 2010 e il 2023 e del 25% circa a partire dal 2013, con un indebitamento pro capite di 604 euro, contro gli 801 di dieci anni prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rendiconto 2023 Perugia: in un anno recuperati 10milioni di evasione, avanzo positivo da 6 milioni

PerugiaToday è in caricamento