menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cambia la legge sostegno sport e palestre: esenzione per anziani e disabili, esclusi migranti ed ex detenuti

Esulta la Lega: "Sono la loro priorità, ignorati dalla passata giunta". Opposizione: "Legge discriminatoria"

La Lega, con il voto del centrodestra unito, porta a casa una vittoria idelogica-programmatica dal seguente tenore politico: prima gli anziani e i disabili. La modifica della legge per lo sport, approvata oggi in consiglio regionale, prevede concessioni e agevolazioni in via primaria ed esclusiva a giovani disabili e anziani e non anche per migranti, ex detenuti e tossicodipendenti che, nel passato testo, erano inseriti nella legge con priorità.

La revisione delle categorie dei beneficiari riguarda l'accesso a quote agevolate e ingressi omaggio in palestre e strutture sportive per scopi ludici ma anche per effettuare riabilitazione fisica. Voto contrario da parte della minoranza, che ritiene l’atto “discriminatorio e propagandistico”. Lo storico esponente della lega Valerio Mancini è stato chiaro: "vogliamo individuare con un regolamento i soggetti che hanno bisogno veri, e sono gli anziani e i disabili, gli altri la palestra se la pagano". Dura la contro replica del Pd: "Provvedimento cattivo - ha detto la Porzi - non riesco a pensare che sia partorito da persone che sono anche genitori". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento