Caos in Regione e sanità al tritolo, i sindacati alla carica: "Basta giochi di potere"

Cgil, Cisl e Uil dell'Umbria: "Incontreremo Leonelli, dobbiamo uscire dal pantano. Adesso"

“Basta con i giochi e i conflitti di potere, cominciamo a parlare dei problemi del nostro sistema sociosanitario e soprattutto delle soluzioni che possono essere messe in campo”. Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria tornano a sollecitare l’uscita dalla “situazione di stallo che si è determinata con la crisi della Giunta Marini, in seguito alla vicenda delle nomine apicali in Sanità” perché questa – dicono i tre sindacati regionali - è “una fase in cui non sono ammessi ritardi o rallentamenti”.

“Abbiamo da tempo indicato quali sono per noi le priorità di intervento – sottolineano i tre sindacati – dalla medicina di territorio, all’abbattimento delle liste d’attesa, dalle Case della Salute, al contenimento dei ticket, dalla domiciliarità, al monitoraggio del sistema degli appalti in sanità. Priorità che – concludono Cgil, Cisl e Uil - venerdì 18 marzo illustreremo al segretario regionale del partito democratico, Giacomo Leonelli, al quale ribadiremo, anche e soprattutto, la necessità di uscire al più presto dall’attuale pantano in cui è inchiodata la politica regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento