Politica

Attentato a Nizza, l'Umbria si ribella al terrorismo: "Non rinunceremo all'integrazione e ai valori di tolleranza"

"Non possiamo rinunciare ai nostri valori, al pluralismo anche religioso che è parte integrante delle democrazie": la Presidente della Giunta regionale dell'Umbria, Catiuscia Marini, esperta di Europa e di Ue, è stata ospite della trasmissione Coffee break su La7, per intervenire sulla tragedia di Nizza.  "I figli degli immigrati - ha detto la presidente umbra - erano parte integrante nelle scuole con una forte affermazione della cultura francese e laica. Gli ultimi anni ci hanno invece dimostrato che anche quelli di seconda e terza generazione hanno invece un fortissimo richiamo all'Islam".

Per la Marini in Italia, proprio in chiave anti-terrorismo, si dovrebbe aprire una riflessione serie sulle ragioni che portano al terrorismo, che non sono legate solo ai flussi migratori. "Certo che l'immigrazione deve essere controllata e dobbiamo vigilare per far sì che non sia anche un canale d'ingresso per di teorici terroristi ma la Francia e il Belgio ci dicono che sono figli di quelle terre".

Solidarietà alle famiglie delle vittime e alla Francia anche dal Consiglio regionale dell'Umbria. "L'Assemblea legislativa dell'Umbria - aggiunge - insieme al cordoglio per le vittime e per i feriti in questo ennesimo, vile, atto di barbarie esprime vicinanza e solidarietà al popolo francese e rinnova l'impegno a dare sempre il proprio contributo, nel consesso delle istituzioni democratiche, per prevenire e contrastare la follia del terrorismo. L'odio e la violenza - conclude Porzo - non prevarranno, perchè i valori e l'azione delle democrazie repubblicane sono più forti di qualsiasi nemico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato a Nizza, l'Umbria si ribella al terrorismo: "Non rinunceremo all'integrazione e ai valori di tolleranza"

PerugiaToday è in caricamento