Provincia di Perugia, il centrosinistra ce la fa: Luciano Bacchetta eletto presidente

Con il 52,5% dei voti Luciano Bacchetta (sindaco di Città di Castello) è il nuovo presidente della Provincia di Perugia

Dopo il tracollo del 4 marzo e la mazzatta delle comunali, il centrosinistra, quello allargato, segna un punto. Con il 52,5% dei voti Luciano Bacchetta (sindaco di Città di Castello) è il nuovo presidente della Provincia di Perugia. Succede a Nando Mismetti e resterà in carica fino al 2021. 

"Grazie a tutti i consiglieri comunali e sindaci che mi hanno votato in maniera cosi diffusa su tutto il territorio provinciale. Una affluenza ed un voto netto e significativo in termini percentuali che premia il progetto che ha accompagnato la mia candidatura, frutto di un percorso condiviso a livello politico con i partiti, Pd e Partito Socialista e le altre forze e movimenti di centrosinistra che mi hanno chiesto la disponibilità ad assumere questo ulteriore impegno a livello istituzionale. Ora inizia una fase impegnativa di lavoro a contatto con i 59 comuni della Provincia di Perugia per affrontare insieme le questioni e problematiche relative alla viabilità, all’edilizia scolastica, all’ambiente e alle altre competenze che la legge assegna a questo importante ente, che, ne sono sicuro dovrà tornare ad essere elettivo con ulteriori deleghe e soprattutto risorse certe".

E ancora: "Un ringraziamento sentito al Presidente uscente Nando Mismetti per il lavoro sin qui svolto fra mille difficoltà e impegni molteplici che da sindaco capisco e comprendo bene: grazie anche per il sostegno ed incoraggiamento continuo che ha riservato nei miei confronti in questo breve ma intenso periodo di campagna elettorale e confronto diretto nei territori a contatto con le priorità di varia natura. Grazie infine a Fabrizio Gareggia per la correttezza e senso di responsabilità dimostrato in questo periodo che ha preceduto l’appuntamento finale con il voto di questa sera".

“Nasce una Provincia che non è certamente quella di dieci anni fa – ha commentato Nando Mismetti -. Una Provincia che, a dispetto di chi voleva farla scomparire, ha saputo dimostrare che quando un Ente non c’è se ne sente la mancanza, soprattutto su materie importanti come viabilità, edilizia scolastica e ambiente. Spero – ha concluso il presidente uscente – che i prossimi mesi servano per ragionare e ridare quella dignità che nel tempo è stata persa”. 

E dal Pd la prendono benissimo: "L’elezione di Luciano Bacchetta alla presidenza della Provincia di Perugia rende ragione di un percorso di rafforzamento e apertura della coalizione di centrosinistra che il Partito Democratico  ha fortemente voluto e sostenuto e che continuerà a sostenere nel prossimo futuro. Siamo convinti, infatti, che solo rafforzando unità d’intenti e apertura al protagonismo civico e alle migliori energie che la società ha a disposizione si possano costruire progetti di prospettiva".
Così, in una nota, il segretario provinciale del Pd di Perugia Leonardo Miccioni, che aggiunge: "Non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per il risultato della coalizione, augurare a Bacchetta un buon lavoro e ringraziare Nando Mismetti che ha lavorato aggredendo le difficoltà e segnando obiettivi importanti. Saremo impegnati nei prossimi anni in una progettualità rinnovata e in sfide complicate che ci vedranno uniti e responsabili nell’interesse dei territori e dei cittadini. La Provincia, pur nel suo profilo di ente di secondo livello, porta importanti responsabilità rispetto a tematiche centrali come l’edilizia scolastica e le infrastrutture stradali e ha un bilancio rilevante, faremo di tutto per assicurare risposte all’altezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento