Sant'Anatolia di Narco, Carocci protesta contro le "multe di montagna"

Il consigliere della Provincia di Perugia, Giancarlo Carocci protesta per le "multe di montagna" elevate dal vigile urbano del Comune di Sant'Anatolia di Narco

Provincia di Perugia

Il consigliere provinciale, Giancarlo Carocci protesta per le multe elevate da un vigile urbano del Comune di Sant’Anatolia di Narco:  “Tre sono state le contravvenzioni operate dal vigile urbano. Ci mancava anche questo – è scritto in una nota - è la prima volta in Italia che un vigile urbano decide che il codice della strada si applichi anche in strade di montagna, dove il passo è difficile per gli asini, muli e capre. Il giudice di pace di Spoleto, interessato alla vicenda, ha annullato i verbali pur avendo disposto una perizia, e ciò certamente incuriosito dalla vicenda.

La sentenza – continua – ha comportato il pagamento di consulenza, e di spese legali a carico dl Comune, mi chiedo come consigliere provinciale perché avvengono queste cose? Come può il Comune di Sant’Anatolia di Narco acconsentire ad un proprio vigile urbano di elevare contravvenzioni stradali su strade neanche mulattiere”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento