Art Bonus, il Comune premia i cittadini-mecenati che hanno finanziato i restauri. Varasano: "Ecco la nuova sfida per il Frontone"

Dopo il restauro delle statue e dell’Arco dell’Orsini pronto il nuovo progetto per il recupero completo dei Giardini del Frontone

"Per ora ci accontentiamo del restauro delle statue e dell’Arco dell’Orsini, ma presto vedremo anche il recupero botanico del Frontone”, parola del neo assessore alla Cultura Leonardo Varasano che effettua un puntuale rendiconto di spese, benefattori, stato dell’arte di progetti e propositi dell’Art Bonus. Presenti gli assessori Clara Pastorelli, Cristina Bertinelli, Luca Merli, Margherita Scoccia.

Partecipano all’evento anche i benefattori degli anni precedenti, fra i quali piace ricordare l’avvocato Alberto Stafficci cui proposi di accollarsi (provo orgoglio, non rimorso) gli oneri per il restauro del “monumentino” di Monteluce, eretto per l’inaugurazione della via Eugubina. I beni storico-culturali messi sotto la lente dal 2015 ad oggi ammontano a 42 unità. Sia detto senza vanteria: l’Inviato Cittadino ne ha segnalati la gran parte, attraverso le colonne di Perugia Today. Il che, fuor di polemica, ha consentito di mettere sotto i riflettori dei beni negletti e degradati. 

20 progetti di recupero sono stati finanziati, 13 sono stati restaurati, 1 è attualmente in fase di lavorazione. Ai nastri di partenza le Fonti dei Tintori, sotto la Porta dell’Elce inferiore (o Balnearia), “sotto gli occhi di tanti studenti e di chi entra in città”, ricorda l’assessore. I benefattori, nei quattro anni, hanno conferito alle casse comunali un milione e 727mila euro complessivamente sui 3 milioni e 272mila preventivati per il completamento del recupero di tutti i beni. Varasano ha voluto intendere la cerimonia gratulatoria coi benemeriti come ultimo step delle celebrazioni del XX Giugno cittadino. 

E ha ricordato (e noi con lui) il grande lavoro svolto da Lorena Pittola, come consigliere delegata all’Art Bonus. Fra i premiati, Brunello Cucinelli (interventi sul Teatro Morlacchi) e la famiglia Stefanelli-Cucinelli della figlia Camilla, oltre all’azienda Sterling Spa, la ditta Palmerini, Acea Spa, Afas, Bartoccini Gioiellerie. Oltre a tanti altri cittadini sensibili a temi identitari e alla tutela dei beni ereditati dai nostri padri.

Dopo la consegna delle pergamene e del Grifetto del Comune, il consigliere Francesco Vignaroli propone una snella presentazione storico-artistica del luogo. Segue un concerto del Paradise Saxophone Quartet, composto da musicisti lattati al nostro conservatorio Morlacchi. Un pomeriggio indimenticabile di cultura e amore per la città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento