Prodotti turistici del Trasimeno, Agabiti: "Le risorse per le imprese saranno disponibili nel prossimo bilancio"

L'assessore risponde alla vice presidente del Consiglio Meloni che chiedeva lumi sui soldi destinati alle aziende che rientrano nel bando dell'Investimento turistico integrato

Promozione e commercializzazione dei prodotti turistici del Trasimeno sì, ma con qualche intoppo. O meglio, con le risorse della Regione destinate alle imprese partecipanti al bando previsto nell'Investimento territoriale integrato (Iti) del Trasimeno che risultano non essere state erogate. La vice presidente del consiglio regionale, Simona Meloni (Pd), chiedendo lumi sulla questione all’assessore Paola Agabiti, ha ricordato che “il progetto complessivamente mette a disposizione 15 milioni di euro. A dicembre 2018 è stato pubblicato il bando per la costruzione e la promo-commercializzazione dei prodotti turistici. La dotazione finanziaria complessiva era di 1,8 milioni di euro per finanziare progetti singoli d'investimento ed un piano promozionale comune. La disponibilità finanziaria nel bilancio regionale 2019-2021 è di 1 milione 183mila euro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Il dirigente del servizio Turismo della Regione Umbria, con sua determina del dicembre 2019 – ha spiegato ancora in aula durante l’ultima seduta dell’Assemblea legislativa - ha stabilito di rendere esigibile solamente un milione di euro per le annualità 2019 e 2020. Quindi c’è una contrazione di quasi il 20 per cento delle somme che verranno erogate alle aziende, procurando forti criticità alla gestione finanziaria delle imprese stesse che hanno sostenuto investimenti già programmati sulla
base dell'intero importo. Per questo chiediamo alla Giunta di conoscere le  motivazioni di tale scelta e in quali tempi si prevede di reintegrare le cifre mancanti per assicurare una corretta gestione finanziarie delle imprese coinvolte”.

L’assessore Agabiti ha risposto che “sono state reperite le risorse necessarie e saranno rese disponibili a seguito dell’approvazione del bilancio regionale. Gli uffici erano stati obbligati a operare questa riduzione in conseguenza della mancata allocazione delle risorse necessarie
da parte della precedente Giunta. Queste somme, infatti, erano disponibili nel bilancio 2018, ma non erano state riassegnate con l’assestamento di bilancio 2019. Complessivamente erano 26 le imprese che erano state ammesse al contributo per la promo-commercializzazione dei prodotti turistici ‘Le pievi e i sentieri del Trasimeno’, ‘Trasimeno Lago felice’, ‘Vivi il Trasimeno’. Alla fine, dopo le verifiche, le imprese ammesse a contributo sono 25, con una sola esclusione tra quelle ammesse inizialmente”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, parte dall'Umbria la sperimentazione del tracciamento dei telefonini di persone a rischio

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

Torna su
PerugiaToday è in caricamento