menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I futuri vertici di Gesenu e Sviluppumbria scelti dalle rose inviata dai cittadini: ma c'è un ma...

Sia il Comune di Perugia per Gesenu che la Regione per Sviluppumbria hanno deciso di ricevere curricula da tutti gli aventi diritti senza fare delle rose nel segreto delle stanza. Ma ci sono anche punti poco chiari: la scelta resta nelle mani della politica e non c'è l'obbligo della comparazione dei profili tecnici...

I presidente della Gesenu e dell'ente economico Sviluppumbria saranno scelti entro questo 2013 direttamente tra i curriculum che i professionisti invieranno rispettivamente al Comune e alla Regione dell'Umbria. Le rose dei candidati non saranno direttamente redatta dal sindaco Boccali e dalla presidente Marini ma si andranno a formare attraverso le mail inviate "dal basso" per dirigere le due società pubbliche-private. Un piccolo passo avanti in nome della trasparenza della gestione di importanti settori come lo sviluppo delle aziende e la raccolta e smaltimento dei rifiuti. Il Comune di Perugia ha previsto anche una scandenza per l'invio delle credenziali: il 20 maggio prossimo. 

GLI OBIETTIVI DELLA MARINI -  “Lo facciamo, ha dichiarato la Presidente Marini, perchè vogliamo fare questa scelta nella più assoluta trasparenza e perchè vogliamo dare a Sviluppumbia un Presidente di assoluta capacità e competenze. E’ una scelta molto importante visto che si tratta della Società per azioni che si occupa di significative politiche di sviluppo regionale”.

...MA NON MANCANO PUNTI D'OMBRA - La scelta della Regione e del Comune è certamente una boccata d'aria fresca per evitare nomine inadeguate O solo per meriti di parte (politica), ma onestà vuole che si mettano in evidenza anche altri due passaggi dei regolamenti sull'individuazione dei presidenti che non sono certamente chiarissimi. Il primo: "La giunta regionale non sarà vincolata ad una valutazione di tipo comparativo dei curricula presentati": si evince dalla nota di Palazzo Donini. Tradotto: non è detto che il miglior stato di servizio vinca, dato che non si attua una comparazione punto per punto. Resta dunque una certa discrezionalità. Ma per il momento è solo nelle potenzialità, potrebbe non essere la regola. Fino a "nomina" contraria. Secondo punto: non ci sarà una commissione con membri esterni oltre che a quelli politici. La decisione spetta esclusivamente al Presidente Marini e alla Giunta regionale. 
  
I REQUISITI PER SVILUPPUMBRIA - I soggetti interessati dovranno essere in possesso di una laurea secondo il vecchio ordinamento ovvero specialistica ai sensi del nuovo ordinamento in discipline economiche, giuridiche o sociologiche; buona conoscenza della lingua inglese parlata e scritta; esperienza professionale in posizione dirigenziale  presso agenzie, società e/o organismi deputati a supportare l’attuazione delle politiche di sviluppo locale e per l’innovazione, oppure presso università, istituzioni di ricerca socio-economica e/o territoriale, ovvero in pubbliche amministrazioni con mansioni attinenti la programmazione economica, le politiche industriali e per l’innovazione, le politiche di sviluppo locale. 
Sarà anche considerata l’esperienza di direzione presso aziende private operanti nel settore industriale o dei servizi destinabili alla vendita. presso istituzioni di ricerca socio-economica e/o territoriale, presso istituzioni di ricerca socio-economica e/o territoriale.

Sarà equiparabile alle altre esperienze anche l’attività di insegnamento quale  docente ordinario o associato presso istituzioni universitarie pubbliche o private.
Tra gli altri requisiti richiesti ci sono anche l’aver svolto una o più esperienze lavorative o di ricerca presso enti pubblici, organismi o aziende, università o enti di ricerca  estere, come pure presso istituzioni dell’Unione europea; il possesso di titoli attestanti la frequenza di corso/corsi post-laurea in tematiche attinenti la programmazione economica e/o territoriale, le politiche industriali e lo sviluppo locale e la conoscenza di ulteriori lingue straniere. La giunta regionale non sarà vincolata ad una valutazione di tipo comparativo dei curricula presentati. 

REQUISITI PER GESENU - Clicca per il bando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento