I precari umbri della scuola scavalcati dai fuori-regione: scatta operazione salvataggio

La Presidente Marini, l'assessore Casciari e i deputati umbri hanno accolto le richieste dei sindacati dopo che centinaia di lavoratori di casa nostra rischiano di non trovare un contratto. Chieste verifiche dei titoli per chi viene da fuori

Incontro per tutelare i precari della scuola in Umbria

Il salvataggio e soprattutto l'operazione "rispetto" dei precari umbri della scuola è ufficialmente partita oggi - primo settembre - da Palazzo Donini dove la Presidente Marini, l'assessore Casciari, sindacati e deputati umbri si sono incontrati per fare pressioni sul Governo nazionale. Nell'aggiornamento delle graduatorie, con tanto di ingressi da fuori-regione, i precari di casa nostra sono scivolati lontani dalle posizioni che consentono le assunzioni annuali. Da qui la richiesta da parte dei sindacati di una presa di posizione forte della Regione. 

“Vogliamo mettere in atto - ha spiegato la Marini - una azione istituzionale molto forte, tesa ad impedire che si penalizzi in Umbria la situazione di moltissimi insegnanti precari ed anche la stessa qualità dell’insegnamento e della didattica nelle nostre scuole”. All’incontro hanno partecipato i parlamentari umbri Valeria Cardinali, Adriana Galgano, Nadia Ginetti, Giampiero Giulietti e Walter Verini.

I precari chiedono iniziative di carattere legislativo da attivare in sede istituzionale per contribuire a risolvere il problema. La Regione Umbria formalizzerà a breve una proposta che, accogliendo le istanze degli insegnanti precari, sarà inviata al Ministro dell’Istruzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presidente Marini e la vicepresidente Casciari hanno inoltre annunciato che la Regione, con una lettera formale, chiederà  all’Ufficio scolastico regionale ed all’Inps che le verifiche relative alla correttezza dei titoli di ciascun insegnante  inserito nelle diverse graduatorie siano svolte per tutti e non a campione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • L'ultimo saluto a Carlotta Martellini, il funerale fissato per sabato 1 agosto a Solomeo

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Coronavirus in Umbria, è un neonato il nuovo paziente ricoverato a Perugia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento