rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

Piano di Ripresa, Draghi (al momento) concede le briciole all'Umbria e al Centro Italia (i dati). La protesta "Non in linea con le indicazioni dell'Europa"

I deputati di Umbria, Marche e Toscana stanno lavorando per fare pressioni sul Governo. I 5Stelle umbri: "Regioni più ricche beneficiate di risorse nettamente superiori a quelle di territori in difficoltà"

"Le regioni dell'Italia centrale stanno uscendo fortemente penalizzate dal processo di concreta distribuzione delle risorse del PNRR tra i vari territori". Il grido d'allarme porta la firma dei deputati umbri dei 5 Stelle Emma Pavanelli, Tiziana Ciprini e Filippo Gallinella che stanno analizzando i primi stanziamenti per i progetti che rientrano nel max piano di aiuti post-vocid del Piano nazionale resilienza e ripartenza. Secondo i dati diffusi dall'ANCE relativi al 50% degli investimenti del PNRR già territorializzati, cioè assegnati a progetti concreti, sta emergedo che di 55,7 miliardi il 43% è andato alle regioni del sud Italia, il 42% a quelle del nord e solo il restante 15% alle regioni del centro.  Alla Toscana sono state finora assegnate il 4% delle risorse; alle Marche il 3%; all'Umbria il 2% e al Lazio il 5%. Una situazione non in linea con le necessità impellenti di queste regioni e con il contesto economico e sociale.

"Questo è inaccettabile e per questo rinnoviamo al Governo la pressante richiesta di riequilibrare la distribuzione di queste risorse fondamentali per il rilancio dell'economia in maniera equa e senza lasciare nessuno indietro" hanno affermato i parlamentari umbri del M5S Emma Pavanelli, Tiziana Ciprini e Filippo Gallinella rendere inopportuno e scorretta l’attuale ripartizione il fatto che l’Unione Europea ha riconosciuto lo stato di grave sofferenza di alcune regioni del centro Italia, "A partire dall’Umbria e dalle Marche: da qualche anno i loro principali parametri socio-economici stanno peggiorando tanto da farle rientrare oggi nella categoria delle "regioni in transizione", cioè quelle che hanno un sotto-sviluppo rispetto alle altre regioni europee più floride, di fatto quindi allo stesso livello socio economico di alcuni regioni del sud che beneficiano però di moltissime agevolazioni. A maggior ragione, quindi, la ripartizione avvenuta finora è inaccettabile e deve essere rivista in considerazione di dati oggettivi e decisioni non di parte come quelle europee” continuano i pentastellati". 

I parlamentari del Centro Italia stanno anche cercando di inserire in maniera chirurgica singoli emendamenti ai provvedimenti del Governo.  E’ il caso, ad esempio, dell'ultimo emendamento depositato ed ora in discussione sul DL Infrastrutture a prima firma Terzoni che Chiede di estendere anche alle nuove regioni in transizione, cioè Marche ed Umbria, i fondi destinati ai comuni per la progettazione di opere pubbliche, destinati attualmente alle sole regioni del Sud, ma serve un deciso cambio di rotta a livello strategico e di Governo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano di Ripresa, Draghi (al momento) concede le briciole all'Umbria e al Centro Italia (i dati). La protesta "Non in linea con le indicazioni dell'Europa"

PerugiaToday è in caricamento