Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

LA PERUGIA DI RENZI Gli elettori bocciano il vecchio Pd e i suoi capi: ora le primarie

I tesserati, prima delle primarie, avevano votato a maggioranza per Cuperlo ma poi alle primarie - nonostante il sindaco cuperliano Boccali - il 75 per cento è andato a Renzi. E ora la corrente vuole le primarie per evitare "amministrative complicate per il centrosinistra"

In nessun seggio di Perugia, per le primarie dell'8 gennaio, Cuperlo ha ottenuto la maggioranza. Ma peggio ancora in nessuno ci è andato vicino. Asfaltato lui ma asfaltati sono stati i suoi sponsor - il sindaco Boccali e anche il presidente Marini - e anche quella classe dirigente micro-locale che non riesce più a interpretare la base che poi vota quando conta. Infatti a Perugia i tesserati di lungo corso hanno fatto vincere - durante la scrematura da 4 a tre candidati due settimane prima delle primarie - proprio Cuperlo che invece alla prova della base non ha superato il 20 per cento mentre Renzi ha preso il 70%.

Gli elettori perugini quindi non vogliono il partito che hanno fino ad oggi disegnato i proprio rappresentanti nel Pd. Bocciatura clamorosa che ora si riversa anche sulle prossime amministrative 2014 e sulle regionali  2015. Non a caso la parola primarie - anche per assegnare oppure no la seconda candidatura al cuperliano Boccali - è risuonata per ben due volte. La prima da parte di Giacomo Leonelli che a precisa domanda ha risposto: "Io credo che sia necessaria una riflessione da parte degli amministratori e del partito stesso dopo un voto che di fatto ha sconfessato una certa idea di partito che tra la base è minoritaria. Le primarie a questo punto devono essere prese in considerazioni a tutti i livelli perchè andiamo incontro a delle amministrative che saranno complicate per il centrosinistra. Dobbiamo dunque, come partito e come renziani, svolgere un ruolo fondamentale per il rinnovamento".

Secondo messaggio dal presidente della Giunta Provinciale Marco Vinicio Guasticchi che è partito dalla data del prossimo congresso regionale del Pd che deve essere celebrato nel 2014. "Si vota a Maggio e quindi è necessario andare a votare per il segretario regionale entro la metà di gennaio....anche perchè poi dobbiamo fare le primarie...". Ma i renziani, soprattutto a Perugia, non sono tutti dei duri e puri. C'è il sospetto di alleanze con l'ala cuperliana per evitare le primarie al sindaco Boccali. Ma a Terni il primo cittadino De Girolamo - anche lui cuperliano - dovrebbe chiedere le primarie per il secondo mandato. Sarebbe un precedente che cambierebbe tutto anche nel Pd di Perugia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LA PERUGIA DI RENZI Gli elettori bocciano il vecchio Pd e i suoi capi: ora le primarie

PerugiaToday è in caricamento