menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia 1416, scontro in consiglio comunale. M5S: "Poca trasparenza", Severini: "Tutto regolare"

Da un lato il capogruppo del Movimento 5Stelle Rosetti, dall’altro l’assessore alla Cultura Severini. Nel mezzo Perugia 1416 e due interrogazioni

Scontro in consiglio comunale sul Palio di Perugia. Da un lato il capogruppo del Movimento 5Stelle Rosetti, dall’altro l’assessore alla Cultura Severini. Nel mezzo Perugia 1416 e due interrogazioni. A fare da detonatore il question time a Palazzo dei Priori. Si comincia con la prima interrogazione pentastellata sull’affitto della sede dell’associazione Perugia 1416 e il pagamento delle utenze, dal momento che la stessa è, da statuto, presso l’assessorato alla Cultura del comune a Palazzo della Penna. Secondo Rosetti, l’associazione non può essere considerata privata se è presieduta dall’Assessore, nominata in tal senso dal Sindaco stesso, e se il Comune la finanzia con 300mila euro pubblici, spese che per questo dovrebbero essere rendicontate e spiegate.

“Interroghiamo l’amministrazione -ha concluso Rosetti- se l’assessorato alla cultura ha ospitato l’associazione, di natura privata, quali stanze e servizi sono state occupate dall’associazione e sulla base di quale titolo e se i dipendenti del comune abbiano lavorato per Perugia 1416 e se coloro che lavorano per l’associazione hanno utilizzato spazi, utenze e servizi del comune.” Rosetti ha anche insistito sul diniego di accesso atti e sulla mancanza di risposte da parte dell’assessorato, sostenendo che l’assessore Severini sia stata chiamata a rappresentare l’ente all’interno dell’associazione e come tale a rispondere al consiglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento