menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd ha un nuovo segretario, comincia l'era Bocci: "La Lega semina odio, noi ricreiamo la coscienza democratica"

Il nuovo timoniere detta subito la linea: "Università, scuola e lavoro le priorità. Alle elezioni amministrative ed europee ci giochiamo la credibilità"

Le parole di chi ha vinto (alla grande) e ora imposta la rotta: "In Piemonte sono andati a votare in 13mila, in Umbria 20mila. Capite?". Meglio: "Chi ha vinto ha un valore relativo, il valore più importante è quello della partecipazione. È aver ritrovato, anche al di sopra delle aspettative, il popolo delle democratiche e dei democratici".
Poi, la bordatina, salva inaugurale del suo turno al timone del Partito Democratico dell'Umbria: "Un dato straordinario. Quale altro partito riuscirebbe in questo?".
Una giornata di primarie e gazebo che definisce "un contributo per la causa del Pd e per la ricostruzione della coscienza democratica dell'Umbria. Una coscienza democratica contro una Lega che semina odio e divisione nel Paese". 

Ha vinto, o meglio: stravinto. Ma Gianpiero Bocci, nuovo segreterario regionale del Pd, annuncia che "sarà breve" e sottolinea che il mandato "durerà il necessario per uscire dalle difficoltà e consegnare il partito a una classe dirigente nuova".
E il suo Pd Umbria, visto che è diventato segretario regionale, "sarà un partito a guida collegiale. Mi vedrete poco, sarò un passo indietro. I migliori di tutti saranno la classe dirigente del Pd". Insomma, "dobbiamo far crescere in fretta una classe dirigente che da subito possa essere espressione e immagine del Partito Democratico". 

Vota alle Primarie del Pd dell'Umbria, assessore della Lega sospesa: "Ha messo il partito in difficoltà"

Il vincitore delle primarie del 16 dicembre, annuncia che potrebbero esserci "più di un vicesegretario", "un'assemblea di insediamento allargata all'Umbria e alle forze del centrosinistra" e una segreteria "pronta per la fine dell'anno". 

Speciale Primarie Pd Umbria - Verini analizza la sfida: "Perdere senza essere sconfitti"

Come a dire: c'è da correre. Il 2019 non sarà un anno come un altro per il Pd. Si vota (due volte) ed è l'anticamera per le Regionali del 2020. Non esattamente una passeggiata di salute per i democratici. "Abbiamo una grande responsabilità", rimarca Bocci, "perché se le persone ci perdonano gli errori che abbiamo commesso, e per i quali con onestà e intelligenza dobbiamo chiedere scusa, e tornano a consegnarci un appello, preoccupati anche di quanto succede a livello nazionale, non ci è più consentito sbagliare”.

Quindi, amministrative e Europee, dove "ci giochiamo la credibilità e faccia del Pd". Maggio 2019, non un semplice test: "Serve un partito che accelera nel ricambio della classe dirigente, nel Pd e nelle istituzioni, a cominciare da maggio quando 62 su 92 comuni dell’Umbria andranno al voto per il rinnovo delle amministrazioni locali”. Stesso giorno, urna diversa: "La Lega e Salvini vogliono rompere l’Europa e destabilizzarla, il nostro obiettivo è, invece, quello di ribadire che l'Europa non solo è stato il nostro orizzonte ma rappresenta il sogno delle nuove generazioni per i prossimi anni e vogliamo scommettere sul ruolo dell'Italia in Europa. Qui – secondo Bocci - si giocano la credibilità e la forza del Pd e l'Umbria dovrà dare il suo importante contributo".  

Speciale primarie Pd "Umbria" - I dietro le quinte: quei 20mila elettori da interpretare e quei comuni con più preferenze che voti PD 
SPECIALE Primarie Pd "Umbria" - I democratici archiviano la rottamazione e ritornano all'Usato Sicuro: grande vittoria di Bocci

Il segretario ha ancora un punto da chiarire: "Il Pd deve recuperare autorevolezza, rimettere ordine e servono nuove regole". Il tutto "rafforzando l'impegno sul piano progettuale, affrontando i problemi che angosciano le famiglie e le imprese dell’Umbria”. E quindi stop "a solitudine e autosufficienza, che in politica non vanno mai bene". Ergo, "dobbiamo ricostruire un campo riformista, progressista e aperto alla società civile". In tre parole, utili anche "a riportare i giovani nel Pd", i punti sono: "Scuola, università e lavoro". Perché, argomenta Bocci, "le riforme devono essere partecipate, non calate dall'alto". 

Poi il finale a battuta, sul curioso caso dell'assessore leghista (ora sospesa) che ha votato alle primarie del Pd: "Negli anni abbiamo perso tanti voti verso la Lega, non posso che essere contento se una volta succede il contrario". 

In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento