menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Pd, i candidati contro la Giunta Tesei: "Umbria rossa di vergogna e verso il collasso"

I candidati alla guida del partito in una nota congiunta sparano a zero su tutto quello che non va. "La Tesei ascolti le nostre proposte per salvare la regione"

In attesa di scannarsi per il congresso regionale del Pd, i candidati alla guida del maggiore partito di opposizione, ritrovano l'unità sulla carta per vergare insieme al commissario Enrico Rossi una nota al veleno contro la Giunta Tesei dopo l'istituzione della zona rossa in provincia di perugia per via delle varianti inglese e brasiliana che hanno fatto aumentare i contagi e di conseguenza hanno fatto lievitare in maniera preoccupante le terapie intensive degli ospedali di casa nostra. Nonostante nelle ultime ore, dalla Toscana alle Marche, chiudono scuole e comuni si blindano, per i futuri vertici del Pd resta sempre l'umbria quella messa peggio.

“Umbria rossa di vergogna - scrivono Rossi, Bori, Presciutti, Torrini e De Rebotti - Mentre nel resto d’Italia diminuiscono i contagi e il dibattito si concentra su possibili allentamenti delle misure di contenimento, nella nostra regione siamo costretti a un arancione di facciata, con i due terzi dei territori in regime di rosso ‘rinforzato’. La tutela della salute viene minata da un sistema al collasso, con un tasso di saturazione delle terapie intensive fuori controllo e i reparti Covid pieni, con assunzioni (1.500) programmate ma mai praticate, con criticità diffuse e focolai in tutte le strutture, il sistema del tracciamento e degli isolamenti completamente in tilt e una governance che fa acqua da tutte le parti. La seconda fase del piano vaccinale è stata rimandata. Le scuole di ogni ordine e grado, insieme ai servizi per l’infanzia, sono chiuse. Il tessuto economico, vicino al collasso, e le famiglie non vedono l’ombra di un ristoro e dei bonus necessari. La giunta Tesei latita e si mostra incapace di prendere decisioni tempestive e utili, gioca allo scaricabarile delle responsabilità sulle amministrazioni locali e intanto sprofonda l’Umbria nell’emergenza. E’ evidentemente tempo di una svolta, per quanto tardiva, per provare a invertire la tendenza”.

Il gruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale ritorna a proporre alla Giunta le sue ricette politiche per uscire dalla crisi: "Quello che chiediamo è che non ci siano irrigidimenti inutili e dannosi nella guida di una fase complicata, ma che si riconosca la necessità che tutti diano il proprio contributo, nell’interesse esclusivo della tutela dei cittadini, della loro salute e dei loro diritti. Sul tavolo metteremo, con spirito di collaborazione pubblica e istituzionale, e in maniera trasparente, proposte collegiali e condivise".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento