Partito democratico, Miccioni si dimette da segretario provinciale: "Non sono un uomo per tutte le stagioni"

L'annuncio durante il suo intervento all'assemblea: "E' necessario avviare una discussione franca e allargata per affrontare l'appuntamento elettorale per le regionali"

Leonardo Miccioni lascia. Il segretario provinciale ha rassegnato le sue dimissioni nel corso dell’assemblea provinciale. “Il mio tempo da segretario provinciale, dopo meno di 2 anni – ha annunciato Miccioni - termina qui”.

Tra le motivazioni della sua scelta il fatto che “ad oggi, con il profilo ‘federalista’ del Partito democratico che rinnova i propri livelli politici in momenti differenti, la maggioranza con cui sono stato eletto, in un Pd riformista guidato da Matteo Renzi, a seguito di percorsi congressuali diversi, non è più la stessa. Come è evidente che la mia stessa visione politica non sia coincidente con quella del segretario nazionale Zingaretti. Non mi sono tirato indietro dal guidare, con spirito di sacrificio e insieme agli altri reggenti, il Pd regionale nel 2018 in un contesto di incertezza e sotto la guida del segretario Martina; ma non sono un uomo per tutte  le stagioni e pertanto non ritengo che io possa guidare questa fase politica in cui a volte io steso faccio fatica a ritrovarmi”.

“Ritengo, inoltre, che proprio per la delicatezza di questa fase politica, che ci porta alle prossime elezioni regionali, le mie dimissioni siano un atto che prova a richiamare la necessità di allargare la discussione. Va avviata una discussione seria e franca all’interno del Partito democratico, una discussione che deve portare all’individuazione di un programma politico, di una coalizione e infine di un candidato alla presidenza della Regione, nonché all’approvazione della lista per il consiglio regionale. Serve collegialità e rappresentanza di tutti all’interno del Pd, altrimenti si rischia di costruire un partito minoritario che guarda alle elezioni più per conservare se stesso e una parte della propria classe dirigente, che per provare a costruire un’identità politica capace di aggregare attorno a se un consenso importante che ci porti ad essere nuovamente una forza di governo, nelle città, in regione e nel Paese”. 

 “Credo non sfugga a nessuno – ha detto nella sua relazione Miccioni - la delicatezza di questa fase politica, dove senza scorciatoie o capri espiatori siamo tutti chiamati a rispondere, ciascuno per la propria responsabilità, dinanzi ad una sconfitta netta e inequivocabile”. Europee e amministrative, con l’Umbria che registra il quarto miglior risultato della Lega e dove alle amministrative si perdono città importanti, segnalano la difficoltà diffusa del Partito Democratico. E in un quadro tanto complicato appaiono tutt’altro che scontate le vittorie nell’elezione di presidente e consiglio provinciale, “frutto di un lavoro di ricostruzione di un centrosinistra largo ed inclusivo e di un dialogo con le forze civiche””.

“Le mie dimissioni – ha concluso Miccioni – sono un elemento che metto a disposizione per garantire dialogo, rappresentanza e equilibrio nel Partito democratico”.




 

RispondiInoltra

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento