Pioggia di milioni per restaurare e consolidare Palazzo dei Priori e la Galleria Nazionale: "Mettiamo in sicurezza la casa dei perugini"

Il Ministrero ci mette i fondi e il Comune insieme alla Galleria nazionale trovano l'accordo per spammarli in difesa di tutto il Palazzo. Ecco quali sono i lavori più urgenti per l'antico palazzo

Palazzo dei Priori, il monumento più importante e più conosciuto della città di Perugia, potrà beneficiare di un importante contributo di 4,5 milioni di euro per consolidare la struttura in chiave antisismica, recuperare spazi e rendere più funzionale il palazzo. I fondi arrivano dal Ministero delle belle arti e cultura che sono rivolti teoricamente alla Galleria Nazionale - situata nella parte più alta del Palazzo dei Priori - ma grazie ad una convenzione mirata ne beneficerà anche il Comune e tutta la struttura. Questa mattina la firma tra il Sindaco Andrea Romizi e dal Direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria Marco Pierini la convenzione per l’affidamento delle funzioni e attività di realizzazione degli interventi per la messa in sicurezza e la prevenzione del rischio sismico di Palazzo dei Priori, sede della Galleria e degli uffici comunali.

“Abbiamo siglato una convenzione molto importante –ha spiegato il direttore Pierini- che fa seguito a quella, firmata un mese e mezzo fa, che regola i rapporti tra il Comune e la Galleria. Ci sembrava giusto che un finanziamento così consistente da parte del Ministero fosse messo a disposizione e gestito in maniera condivisa con il Comune, perché riguarda  tutta la città.”

L’Amministrazione Comunale, dunque, si è impegnata a garantire la realizzazione dell’intervento e a svolgere le funzioni di soggetto attuatore, curando le fasi di progettazione, appalto, esecuzione e collaudo, compresa la direzione lavori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo ben lieti di poterci fare carico di questa incombenza, a fronte dell’esperienza importante che i nostri uffici hanno maturato e hanno saputo dimostrare in questi anni. Speriamo di poter restituire ai perugini il palazzo rinnovato in tempi relativamente brevi, visto che l’intervento sarà orientato si al miglioramento sismico dell’edificio, ma avrà anche lo scopo di rinfunzionalizzarne alcuni spazi.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento