menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Blog di Franco Parlavecchio - Obiezioni d'incoscienza: caro medico obiettore...

L’aborto non è un metodo contraccettivo ma una tragedia per ogni persona consapevole; tuttavia chi pensa di limitare il diritto all’interruzione di gravidanza attenta alla facoltà di scelta ultima delle donne.  Non dimentichiamo che il nostro è un Paese laico anche se l’intromissione a gamba tesa della Conferenza Episcopale Italiana spesso tende a farlo sembrare confessionale.

L’Ospedale S. Camillo di Roma ha affrontato un problema presente in tanti ospedali italiani, non più rinviabile: il rispetto della legge, attraverso la garanzia del servizio tramite l'assunzione di medici non obiettori. Un problema simile si è posto poco tempo fa all’ospedale di Foligno dove era stato sospeso il servizio quando l’unico medico non obiettore aveva optato per altre esperienze professionali e non era possibile applicare l’interruzione di gravidanza. 

D’altronde se ricevi lo stipendio dallo Stato, rispetti le sue norme ed assicuri un diritto garantito e regolato dalla legge.
Quante volte si è scoperto che i medici che si definivano obiettori poi praticavano l’interruzione di gravidanza in strutture private mettendo a rischio la vita della donna?...

Il Ministro della Salute, donna, quella del Fertility Day, ha deciso di occuparsi solo del legittimo diritto all’obiezione di coscienza come prerogativa dei singoli medici ma non di far rispettare la normativa vigente eludendo quello che è un compito essenziale di una struttura pubblica per il suo buon funzionamento.  Caro medico, se decidi di fare l’obiettore, puoi sempre cambiare lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento