Salute e benessere degli animali: Perugia si conferma città amica di micio e fido

Approvato un ordine del giorno in Comune per migliorare le tutele e i servizi per gli animali. Chiesto il divieto dei botti, petardi e artifici pirotecnici, per l’incolumità pubblica e degli animali

La Commissione Cultura del Comune di Perugia ha approvato l’ordine del giorno presentato dalla consigliera 5 stelle Maria Cristina Morbello per migliorare il posizionamento di Perugia nella classifica di città amiche degli animali prevedendo un nuovo Regolamento comunale in cui si prendano misure miranti a consentire agli animali domestici di salire in sicurezza sui mezzi pubblici, a predisporre all’interno dei parchi delle aree per cani zone ben attrezzate, a dotare la città di servizi per i turisti che viaggiano con i loro amici animali.

“Si tratta dell’ulteriore conferma della grande sensibilità che il Comune di Perugia ha dimostrato in questi anni verso il benessere e i diritti degli animali - ha affermato Paola Tintori, tesoriera nazionale dell’Enpa - Insieme al Comune di Perugia abbiamo già raggiunto molti obiettivi come la creazione del primo cimitero per animali in Umbria, il 'Parco del Riposo', o l’ambulatorio sociale, che aiuta le persone in difficoltà a curare i propri animali, o ancora l’iniziativa 'Adotta un nonno a 4 zampe', grazie alla quale, ai cani che hanno più di sei anni che vengono adottati, garantiamo presso il nostro ambulatorio cure veterinarie a vita”.

Il Comune di Perugia da anni collabora con l’Enpa di Perugia. “Anche per questo – continua la tesoriera nazionale dell’Enpa – auspichiamo che presto vengano realizzati una serie di progetti importanti per il nostro territorio: la costituzione di un Garante per i Diritti degli Animali, l’istituzione di un numero unico al quale i cittadini possano ricorrere per segnalare animali in difficoltà e la promozione di campagne di microchippatura e sterilizzazione a basso costo”.

Microchippatura e sterilizzazione sono infatti secondo Paola Tintori gli elementi essenziali per combattere il randagismo. “Nel canile comunale gestito dall’Enpa di Perugia lo scorso anno sono stati adottati oltre 300 cani, di cui 146 dalla sezione Rifugio. La sensibilità verso le adozioni quindi c’è manca la cultura di sterilizzazione e la tracciabilità dei cani per combattere alla radice il fenomeno del randagismo”.

"In IV Commissione abbiamo discusso un tema di fondamentale importanza che a me sta particolarmente a cuore -  ha scritto sui social Luca Valigi, consigliere comunale della Lega - La necessaria attenzione che deve essere data a tutti i nostri amici a quattro zampe, più e meno fortunati, al fine di rendere Perugia una città pet friendly. L’amministrazione Romizi già ha fatto molto nel precedente mandato ma c’è ancora molto da fare".

Approvata la richiesta della consigliera Sarah Bistocchi "di adottare un Regolamento comunale di divieto di uso di botti, petardi e artifici pirotecnici, per l’incolumità pubblica e la tutela degli animali, in grado di non mettere a repentaglio la sicurezza delle persone, e di non esporre animali domestici e fauna selvatica al rischio di incidenti invalidanti o, peggio ancora, mortali, facendo propria la proposta dell’associazione LAV (Lega AntiVivisezione)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Foligno, scoperto cadavere lungo la strada: indagano le forze dell'ordine

  • Auto distrutta nell'incidente provocato da un cane libero sulla E45: "Aiutatemi a trovare i padroni"

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Mantignana, donna trovata morta in un appartamento: le indagini dei carabinieri

  • A Città di Castello apre il ristorante-pizzeria Food Art: mangi e leggi libri e fumetti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento