Politica

Nuova legge sulla omotransfobia, il Pd umbro approva e critica gli oppositori: "Non è una legge liberticida"

Il gruppo regionale guidato da Bori: “Una legge di civiltà che mancava al nostro Paese”

Il Partito Democratico appoggia, senza se e senza ma, il disegno di legge dell'onorevole Zan sulla omotransfobia che invece sta raccogliendo critiche - definita legge liberticità - da ambienti del centrodestra e del mondo cattolico umbro e nazionale. Il gruppo regionale guidato da Tommaso Bori non ha gradito le critiche verso la proposta Zan dai "colleghi" di Palazzo Cesaroni.  “Non esistono leggi liberticide o prerogative violate, esiste soltanto una legge necessaria, che protegge le persone della comunità LGBT+, mettendoci finalmente in linea con gli altri paesi europei”.

“L’obiettivo della legge – spiegano i consiglieri Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni, Fabio Paparelli e Donatella Porzi – è quello, attraverso 9 articoli che hanno accolto anche le proposte del centrodestra, di introdurre l’orientamento e il genere sessuale negli articoli del codice penale che punivano già la propaganda e l’istigazione a delinquere per motivi di discriminazione. Ma si vuole anche andare ad estendere la legge Mancino (che già prevede il carcere per chi incita a commettere violenza o provocazione alla violenza per motivi etnici, nazionali o religiosi) aggiungendo motivi legati a sesso, genere, orientamento sessuale o identità di genere. Ovviamente sono consentite le libere espressioni di convincimenti od opinioni, nonché condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee e alla libertà di scelta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova legge sulla omotransfobia, il Pd umbro approva e critica gli oppositori: "Non è una legge liberticida"

PerugiaToday è in caricamento