rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Politica

MULTINAZIONALE DELLE CHIACCHIERE | Elezioni comunali a Perugia, citando un noto film... "speriamo che sia femmina". Ecco cosa si muove

Il dopo Romizi sponda centrodestra storico e ipotesi di centrodestra più civici e più frammenti di Terzo Polo

Questa volta non si transige, sembra che tutte le forze politiche siano propense a candidare a sindaco per il Comune di Perugia una donna. Questa è la grande novità per le prossime amministrative. Da giorni tra gli addetti ai lavori stanno girando i nomi dei potenziali candidati, e tranne per il Pd che sembra incerto se utilizzare l’opzione donna, tutti gli altri partiti sembra ragionare in “rosa”. Il centro destra forgiato dal sindaco Romizi sembra puntare su due nomi e mezzo: l'assessore Margherita Scoccia che sembra avere tutti i numeri per imporsi, l'assessore Edi Cicchi molto esperta e apprezzata che può pescare anche fuori dal coro e il mezzo l'assessore Pastorelli che in questi 5 anni è stata sempre in prima linea.  

Però se il centrodestra volesse aprirsi verso il centro moderato aggregando insieme ai civici di Arcudi anche i moderati ex pd ed Italia viva - spaccando così il fronte Terzo polista che guarda più verso il Pd - potrebbe diventare strategicamente vincente pescare al di fuori del cerchio ristretto ( che finora ha sempre deluso il centrodestra): tra gli outsider possibili c'è Emanuela Mori, attuale capogruppo di Italia Viva e molto apprezzata dai vertici romani del suo partito e dallo stesso Renzi palesemente vicina ad un area di centrodestra piuttosto che alla disomogenea coalizione di centro sinistra dove il campo largo imbarcherebbe dai 5 stelle ai civici di Fora.

Il Pd da una parte vorrebbe dimostrarsi generoso con gli alleati, dall’altra non sembra disposto a legarsi le mani su tutte le candidature di vertice, anche se la segretaria nazionale sembra aver già scelto per la candidatura a presidente della Regione l’europarlamentare spoletina Camilla Laureti sacrificando le ambizioni del rettore Oliviero. Quindi su Perugia città potrebbe uscire un nome non politico ma rappresentante della solita società civile come già avvenuto con pessimi risultati con Giubilei.

Bandecchi la vera novità in quel di Terni non sembra della partita, lanciando a candidato l’ex grifone Baiocco più conosciuto come modesto calciatore del Grifo che come politico. Poi ci saranno le solite candidature di bandiera  che non meritano nessuna menzione perché chiaramente messe in campo da mitomani o da venditori di fumo. Quindi prevedo l’ennesima vittoria schiacciante del centro destra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MULTINAZIONALE DELLE CHIACCHIERE | Elezioni comunali a Perugia, citando un noto film... "speriamo che sia femmina". Ecco cosa si muove

PerugiaToday è in caricamento