menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni 2018 - Il Movimento 5 Stelle contro tutti: "Unica alternativa per gli umbri: gli altri il malgoverno"

Le liste sono state presentate dall'europarlamentare Laura Agea e dal capogruppo regionale Andrea Liberati: "Gli unici ad aver selezionato tramite la base i nostri rappresentanti"

Hanno 20 punti "fissi" per cambiare l'Italia e liberare dalle catene del malgoverno di centrosinistra e centrodestra gli italiani e l'economia. Ora, cinque anni dopo, possono contare sua una ottima base di voti consolidati  - altri vanno conquistati in questo mese di campagna elettorale - e su una squadra ora più esperta con nuovi innesti di qualità. Il Movimento 5 Stelle dell'Umbria vuole fare il pieno di eletti nei collegi e arrivare davanti al proporzionale alle coalizioni di centrodestra e centrosinistra. Si sentono ormai una forza politica matura le cui liste sono state presentate dall'europarlamentare Laura Agea e dal capogruppo regionale Andrea Liberati. 

"Siamo gli unici ad aver selezionato - ha ribadito Liberati - attraverso la propria base i candidati e nessuno dei nostri ha riportato una condanna nemmeno in primo grado. Il Pd era il partito della primarie ma ora decide tutto Renzi, mentre nel centrodestra continuano candidature non limpide come dimostreremo nelle prossime settimane in campagna elettorale. Siamo l'unica alternativa per gli italiani che vogliono cambiare pagina e provare a governare il paese con un altro metodo, con persone oneste e capaci. Il centrodestra e centrosinistra sono la stessa cosa". 

Alla Camera riconfermati i deputati Tiziana Ciprini - molto attiva nelle politiche del lavoro e nel monitorare le vertenze delle grandi aziende umbre - e Filippo Gallinella - ha lavorato molto a difesa del made in Umbria e del settore dell'agricoltura -. Al terzo e quadro posto: Mascia Aniello - collaboratrice del gruppo regionale dei 5 stelle le cui parole d'ordine sono "onestà, impegno, capacità e rispetto verso i cittadini - e il giovanissimo Samuele Bonanni - criniera leonina - che è un informatico e un operatore sociale: "Voglio lavorare per far tornare i giovani a credere nella politica, quella giusta, a farli riavicinare all'impegno politico. Inoltre credo che nessuno deve restare indietro e che la dignità non va barattata con niente al mondo". 

Venti punti nazionali di programma dove spiccano deddito di cittadinanza per chi non trova lavoro, pensioni di cittadinanza da un minimo di 780 euro. Un piano per la famiglie e per incentivare le natalità, tagli di legge inutili per una semplificazione immedita, investimenti in settori strategici, grenn economy, superamento della Buona Scuola e della legge Fornero.

Il Movimento 5 Stelle al Senato conferma il senatore Stefano Lucidi, al secondo posto Emma Pavanelli - esperta in ambiente e mobilità -, Cristian Brutti - avvocato - e Simonetta Ceccobelli.  "Ribadiamo ai nostri elettori - ha concluso Andrea Liberati - che se il Movimento 5 Stelle sarà incaricato di formare un governo senza avere la maggioranza non faremo accordi ma chiederemo sui nostri 20 punti delle convergenze per il bene del Paese". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento