rotate-mobile
Politica

Governo, Ministro della Giustizia in città: "Regole ferree per i blogger"

Il Ministro Paola Severino ospite del Festival del Giornalismo fa il punto sulle intercettazioni e sui blog. E poi ammette non "entrerò in politica"

Non sarà la politica, almeno per il momento, il futuro del Ministro della Giustizia, Paola Severino, ospite oggi al Festival del Giornalismo di Perugia. Lo ha chiarito anche per dare maggiore forza alle sue proposta sulle intercettazioni (da filtrare) e sui blog (da regolamentare). "Non ho intenzione di presentarmi in politica, non ho intenzione di acquisire voti. Vorrei solo acquisire, se possibile, il riconoscimento da parte degli italiani di avere fatto qualcosa di utile affinchè i mezzi di diffusione delle notizie siano correttamente utilizzati".

Un filtro per le intercettazioni telefoniche è l'idea del ministro della Giustizia Paola Severino per evitare che pezzi di vita non soggeti a reato finiscano nel tritacarne mediatico: "Un filtro durante le indagini - ha spiegato - per escludere le notizie che non sono rilevanti e attengono esclusivamente alla sfera personale del provvedimento, anche in quelle fasi nelle quali il provvedimento viene consegnato alle parti".
 
Mentre sui blog il Ministro chiede una maggiore regolamentazione per evitare reati, notizie distorte e persino crimini. Il tutto per risalire agli autori. Insomma le stesse procedure che regolamentano i quotidiani on-line. Arriva dunque l'obbligo di avere un giornalista alla guida di un blog?
 
"Il fatto di scrivere su un blog non ti autorizza a scrivere qualunque cosa soprattutto se stai trattando di diritti di altri" ha spiegato oggi a Perugia, il MInistro Severino  "Ricordiamoci che i diritti di ciascuno di noi sono limitati da quelli degli altri. Non posso intaccarlo solo perchè sono lasciato libero di scrivere. Mi devo sentire libero di scrivere e i blog hanno questa grandissima capacità di diffondere il pensiero in tempo reale, un grandissimo pregio che riconosco. Ma questo non deve far trasformare la libertà in arbitrio. Questa è una regola che tutti dovrebbero seguire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Governo, Ministro della Giustizia in città: "Regole ferree per i blogger"

PerugiaToday è in caricamento