Politica

Il "Milleproroghe" salva gli Uffici del Giudice di pace: esultano Gualdo e Gubbio

Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, e il primo cittadino di Gubbio Filippo Maria Stirati che hanno ringraziato Walter Verini per l'impegno profuso in Parlamento

Buone notizia, almeno per i comuni di Gualdo Tadino e Gubbio che, grazie al cosiddetto Milleproroghe, potranno presentare la domanda per la richiesta di riapertura degli Uffici del giudice di Pace. Il provvedimento dovrebbe, infatti, essere approvato dalla Camera in questi giorni. 

Successivamente, passerà al Senato, dove si prevede un altrettanto rapida approvazione (anche per evitare la scadenza del Decreto). Una volta, quindi, dato il via libera i Comuni interessati potranno attrezzarsi per formulare, come da norme di legge, le domande per il funzionamento degli Uffici del Giudice di Pace.

Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, e il primo cittadino di Gubbio Filippo Maria Stirati: “Ringraziamo per l’impegno profuso l’Onorevole Verini che a dispetto di giudizi superficiali di alcuni, insieme a noi sindaci sta portando avanti un lavoro concreto sul tema del mantenimento del Giudice di Pace nel territorio. Questa notizia è la conferma, come su altre questioni, che l’impegno e il lavoro congiunto delle istituzioni ai vari livelli può portare a risultati tangibili. In attesa dell’approvazione definitiva del Decreto, sarà nostra cura proseguire nel percorso intrapreso in questi mesi. Anche in questo caso alle polemiche gratuite e fuori luogo rispondiamo con dati di fatto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Milleproroghe" salva gli Uffici del Giudice di pace: esultano Gualdo e Gubbio

PerugiaToday è in caricamento