menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusivi del porcellum, Grillo attacca Ascani e Verini: "Non fateli entrare alla Camera"

I due deputati del Pd sono nella lista dei 150 deputati di centrosinistra entrati con il premio di maggioranza che ora è stato giudicato incostituzionale. Ascani e Verini replicano che è Grillo l'abusivo della democrazia

Ci sono anche due deputati del Partito Democratico nella lista dei 150 deputati del centrosinistra che Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, considera abusivi dopo la bocciatura del premio di maggioranza del sistema elettorale detto "porcellum" da parte della Corte Costituzionale. Si tratta della giovanissima Anna Ascani e dell'ex portavoce di Veltroni, ovvero Valter verini. Anche per loro Beppe Grillo chiede dal suo blog la cacciata dalla Camera: "La loro elezione non è mai stata convalidata e, in seguito alla pronuncia della Consulta che dichiara incostituzionale il premio di maggioranza, non può più esserlo. Questi signori non devono più entrare in Parlamento: non hanno alcuna legittimità popolare nè istituzionale. Devono essere fermati all'ingresso di Montecitorio".

Inutile dire i due deputati umbri non hanno per nulla gradito l'attacco di Grillo rispondendo per le rime. Il fuoco alle polveri è stato dato per primo da Anna Ascani: "Continuerò a entrare in Parlamento e a fare il mio lavoro. Se succedesse sarebbe un insulto ai cittadini. Il nostro ruolo è fare e lavorare bene.
Grillo è impegnato a fare campagna elettorale, noi a Governare. Per questo continuerò a entrare alla Camera senza problemi".

L'onorevole Valter Verini ha invece detto che il vero abusivo è Beppe Grillo, il grande moralizzatore: "A essere abusivo è il comportamento di Grillo. In una democrazia non si minacciano i giornalisti, altrimenti il passo successivo rischia di essere l'olio di ricino". Tradotto: per Verini Grillo è un fascista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento