Lettera aperta al sindaco di Perugia: "Una via per il giurista socialista Vassalli"

La proposta di Aldo Potenza, già assessore regionale dell'Umbria ed attualmente Presidente Nazionale della Associazione Socialismo XXI

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata al sindaco di Perugia finalizzato a intitolare una via o una rotonda a Giuliano Vassalli.

****************************

Il sottoscritto, Aldo Potenza, già assessore regionale dell'Umbria ed attualmente Presidente Nazionale della Associazione Socialismo XXI, nel 2015, in occasione del sesto anno dalla scomparsa di Giuliano Vassalli (nato a Perugia il 25 aprile 1915 e deceduto a Roma il 21 ottobre 2009) nel 2010 mi rivolsi al vicesindaco di quel tempo perchè fosse intitolato a Vassalli un quartiere di Perugia o almeno una via o una rotonda. Ricevetti una risposta burocratica secondo la quale non essendo trascorsi 10 anni dalla morte non era possibile accogliere la richiesta. Lei sig. Sindaco sa bene che la legge in questione prevede la possibilità di ridurre i tempi per figure di straordinaria rilevanza attraverso il ricorso al Prefetto, ma la questione oggi è superata esistendo tutte le condizioni per rispondere positivamente alla richiesta essendo trascorsi oltre 10 anni dalla data della morte di Vassalli.

Giuliano vassalli fu un fine giurista e un luminare del diritto penale e ricoprì anche la carica di Presidente della Corte Costituzionale. Durante la Resistenza antifascista a Roma organizzò l'evasione dal carcere di Regina Coeli di due grandi politici italiani Sandro Pertini e Giuseppe Saragat diventati successivamente Presidenti della Repubblica. A fine agosto del 1943, Vassalli partecipò alla riunione in casa di Oreste Lizzardi, in Viale Parioli 44 Roma, alla quale parteciparono anche Pietro Nenni, Sandro Pertini e Giuseppe Saragat in rappresentanza del "Partito Socialista Italiano - sez. IOS" che fu costituita in esilio a Parigi nel 1930. Vassalli, in quella occasione affermò orgogliosamente
che: " Il 25 agosto del 1943 in clandestinità il Partito socialista costituì il PSIUP, Partito socialista di Unità Proletaria, che raggruppava personalità influenti della sinistra antifascista come Ignazio Silone, Lelio Basso, Giuseppe Saragat, Sandro Pertini, Giuseppe Romita, Carlo Andreoli. Segretario fu eletto Pietro Nenni".

Dopo l'armistizio Vassalli entrò nella Resistenza romana e fece parte della giunta militare del CLN. Il 25 gennaio del  1944, come già ricordato, organizzò l'azione di un gruppo delle brigate partigiane Matteotti consentendo la fuga di Pertini e Saragat dal carcere insieme ad altri 25 patrioti socialisti. Nell'aprile del 1944 Vassali fu arrestato e sottoposto a pesanti torture dalle SS nel famigerato carcere nazista di via Tasso. Fu liberato grazie alla intercessione di Papa Pio XII alla viglilia dell'arrivo delle forze armate angloamericane il 4 giugno 1944. Dopo la Liberazione fu eletto consigliere comunale e capogruppo del partito socialista italiano PSI a Roma dal 1962 al 1966. Successivamente fu eletto deputato dal 1968 al 1972.

Nel 1978 Craxi lo propose per il Quirinale insieme ai compagni Antonio Giolitti e Sandro Pertini e quest'ultimo, come è noto, fu eletto Presidente della Repubblica. Vassalli divenne anche Ministro di Grazia e Giustizia nei governi Goria, De Mita e nel governo Andreotti VI. Nel 1987 in qualità di Ministro di Grazia e Giustizia presentò il disegno di legge delega per la riforma del codice di procedura penale che intodusse il modello innovativo "accusatorio" contrapponendosi a quello "inquisitorio" del codice Rocco. Nel 1989 fu introdotto il nuovo codice di procedura penale che ancora oggi viene ricordato come "Codice Vassalli".

Fu poi nominato dal Presidente della Repubblica Cossiga nel 1991 giudice costituzionale e successivamente, come già ricordato, divenne Presidente della Corte Costituzionale. Collaborò, dopo la Liberazione, con Pietro Nenni insieme a Massimno Severo Giannini. A mio avviso la città di Perugia avrebbe dovuto già da molto tempo tributare a Vassalli tutti gli onori che merita dimostrando di saper onorare la memoria di un perugino che ha avuto un ruolo eccezionale nella storia italiana e nella cultura giuridica del nostro Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fiducioso che Lei sig. Sindaco vorrà prestare ascolto alla richiesta di Socialismo XXI che rappresento, Le invio i miei migliori auguri di buon lavoro e resto a Sua disposizione per ogni eventuale necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento