Regionali 2015, approvata la legge elettorale: ecco cosa cambia per gli elettori (e politici)

L'Assemblea di Palazzo Cesaroni ha approvato la nuova legge elettorale con 19 voti favorevoli con la quale gli umbri andranno al volo a maggio. Ecco tutte le novità. Per Scelta Civica è incostituzionale

Il consiglio regionale dell'Umbria ha approvato, dopo due giorni di discussioni, la nuova legge elettorale con 19 voti favorevoli (Pd, Psi, Lignani Marchesani–FdI, Monni-Ncd, Modena-FI) e 11 contrari (FI, FDI, UDC, Cirignoni-Misto, Mantovani-Ncd, Stufara-Prc, Goracci-Cu, Brutti-Idv). Ben tre componenti dell'opposizione hanno appoggiato la proposta del centrosinistra. 

LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE Abolizione del listino; turno unico (vince il candidato che ottiene il risultato migliore), collegio unico regionale; doppia preferenza di genere; la coalizione vincente ottiene fino a un massimo di 12 seggi (più il presidente) e i restanti 8 vanno alla minoranza; la lista che ottiene il migliore risultato, tra quelle che appoggiano il presidente eletto, può ottenere fino a un massimo di 10 seggi, i restanti 2 vanno alle liste che ottengono il risultato migliore tra quelle che superano il 2,5 per cento; al candidato presidente “miglior perdente” spetta di diritto un seggio e le liste che lo sostengono rientrano comunque nel riparto degli altri 7 seggi, se hanno superato il 2,5 percento; il numero delle firme per la presentazione delle liste è fissato tra un minimo di 500 e un massimo di 1000. La legge fissa anche una quota massima di spesa elettorale: 100mila euro per i candidati presidenti e 25mila per i candidati consiglieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCELTA CIVICA PROTESTA - “La legge elettorale approvata è manifestamente incostituzionale ed è incredibile che, per la fretta di voler chiudere la partita, il consiglio regionale sia andato avanti comunque e nonostante da più parti, ad iniziare da noi da Scelta Civica, ne fosse stata sollevata l’illegittimità”. A rilevarlo sono la deputata Adriana Galgano e il coordinatore regionale Michele Ricciardi che tornano a ribadire come la Corte Costituzionale abbia già segnalato la non congruità del premio di maggioranza assegnato senza prevedere alcuna soglia di voti raccolti. “La Consulta, nel 2014, ha precisato che – spiegano i due – il premio di maggioranza così concepito può produrre un’oggettiva e grave alterazione della rappresentanza democratica perché non impone il raggiungimento di una soglia minima di voti alla lista. Si potrebbe verificare, quindi, il paradosso per cui con il 25% delle preferenze si ottiene la maggioranza degli scranni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento