menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Pd, la Sinistra per Orlando si presenta in Umbria: valori, anti-renzismo e pensione di cittadinanza

Il coordinamento regionale sta prendendo forma in queste ore. I primi nomi già ci sono. Chianella insieme all'ex Ministro Damiano hanno presentato il programma della candidatura del Ministro alla Giustizia Orlando

C'è una sinistra nel Partito Democratico che non se ne è andata con i fuoriusciti di Bersani-D'Alema che hanno dato vita a Democratici e Progressisti. Una sinistra divisa in molte sigle e correnti ma che corre unita per il congresso di maggio sotto le insegne di "Orlando Presidente", il ministro della Giustizia prima del Governo Renzi e ora per Gentiloni.

In Umbria i nomi noti per Orlando sono storici dirigenti legati alle amministrazioni comunali e provinciali che hanno avuto alterne fortune: si va dall'ex sindaco Boccali, fino all'attuale senatore Cardinali, al segretario di Perugia Giacopetti, agli ex assessori Chianella e Pesaresi fino ad arrivare al presidente della Provincia e sindaco di Foligno Nando Mismetti. Altri nomi si stanno aggiungendo in queste ore dato che in Umbria per l'area di Orlando ci sarà un coordinamento unico. 

Antonello Chianella -  che era dato per vicino alle posizioni del fuoriuscito Giovernatore della Regione Toscana Rossi - ha introdotto la prima carta dei valori dell'area che è stato spiegata a giornalisti e dirigenti di partito poi dall'ex ministro del Lavoro Damiano. "Chi sta qui oggi - ha spiegato Chianella - non ha mai pensato di lasciare il partito perchè è convinto che si possa cambiarlo da dentro: al congresso andiamo uniti per vincerlo riportando uno schema di sinistra che si dovrà riflettere anche sul Governo del Paese. La sinistra Pd per Orlando rappresenta i nostri valori e la nostra storia di buon-governo dell'Umbria". 

La Sinistra Pd, stando al programma snocciolato da Damiano, è realmente alternativa al Renzismo sia nei contenuti di governo che nell'idea di partito. Partiamo da quest'ultimo punto: "Noi crediamo in un partito che sia una comunità dove non c'è un uomo solo al comando con una sua corte - il Giglio Magico -, dove non i valori e programmi non cambino a secondo del vento che tira e che le decisioni non vengano prese con un twett. Noi preferiamo dirigenti capaci a dirigenti solamente fedeli, noi vogliamo studiare e dialogare per dare risposte efficaci ai cittadini".  E sui valori non ci si vergogna di guardare un po' più al passato che all'aria che tira oggi in Italia e in giro per l'Europa: "Noi siamo anti-liberisti,  perchè questo sistema ha portato nuove diseguaglianze ed ha reso i poveri sempre più poveri. Noi siamo Keynessiani perchè crediamo che lo Stato devo indirizzare lo sviluppo: ascoltare le ragioni delle imprese, ma salvaguardare i redditi e i diritti dei lavoratori". 

Damiano annuncia in caso di vittoria al congresso e poi eventualmente alle elezioni nazionali una sorta di ripulisti delle legge renziane. Primo obiettivo il job act, poi i vaucher fino ad arrivare alla gestione degli. appalti. Torna l'alleanza e i grandi tavoli di trattative con i principali sindacati. Damiano annuncia anche una novita: si chiama pensione di cittadinanza. "Molti lavoratori e lavoratrici nati negli anni 90 rischia di arrivare alla pensione con pochi contributi per via della precarizzazione del lavoro. L'idea è quella di mettere per ognuno di loro 500 euro fissi e il resto viene inserito con il contributivo conquistato negli anni di lavoro. L'obiettivo è dare una pensione dignitosa di mille euro a ciascuno". Con quali coperture economiche? Questo lo si scoprirà sopravvivendo. 

Infine la Sinistra Pd dell'Umbria si ispira anche ad un leader europeo: il candidato Spd alla cancelleria in Germania, ovvero l'eterno Martin Schultz da sempre rivale di Berlusconi. "Rivendica  senza imbarazzo la storia ultrasecolare della socialdemocrazia, critica la politica europa di austerià e prende le distanze dalle riforme del lavoro de Governo rossoverde di Schroeder che ha alimentato la precarietà del lavoro e i bad jobs. Schultz non è candidato nuovo ma un candidato innovativo"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento