rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

LA PROPOSTA “Creare il marchio ‘Ristorante tipico dell’Umbria’ per valorizzare e tutelare la cultura gastronomica umbra"

L'idea porta la firma della consigliera regionale Peppucci che ha elaborato una proposta di legge regionale: ecco i benefici dell'eventuale marchio pro-made di umbria

“Creare il marchio ‘Ristorante tipico dell’Umbria’ per valorizzare e tutelare la cultura gastronomica del territorio”: è la proposta di legge del consigliere regionale Francesca Peppucci (Lega) che ha come obiettivo di “valorizzare e tutelare la ristorazione tradizionale di qualità e la cultura gastronomica del territorio umbro, sostenendo le imprese tipiche e garantendo, sotto un profilo qualitativo, l’origine controllata delle materie prime utilizzate dagli operatori e, sotto un profilo di garanzia, la salvaguardia del consumatore che viene informato adeguatamente sulla provenienza del cibo che andrà ad acquistare”.

L’Umbria, terra di grandi sapori, si distingue su scala nazionale per le differenti cucine e prodotti tipici di alta qualità: dal pesce alla norcineria, dalla cioccolata ai prodotti caseari. "Ogni città ha le proprie ricette e i propri prodotti che ne caratterizzano l’identità, ma, più in generale, nonostante le dimensioni l’Umbria è una delle regioni italiane con il maggior numero di prodotti enogastronomici certificati. Con la proposta di legge la Regione Umbria promuove iniziative per lo sviluppo della ristorazione tradizionale di qualità, per la tutela della cultura enogastronomica del territorio umbro e per tutelare i consumatori sotto il profilo qualitativo. A tale scopo, la Regionesostiene le imprese operanti nel settore della ristorazione mediante la elaborazione e concessione di un marchio collettivo denominato “Ristorante tipico dell'Umbria”.

Le disposizioni della legge si applicano agli esercizi commerciali che svolgono attività di preparazione e somministrazione di pasti e bevande, per il consumo immediato, prodotti in proprio, e i ristoranti tipici come osterie, trattorie o locande. La Giunta, con proprio regolamento, disciplina i requisiti, l'attribuzione e l'uso del marchio collettivo "Ristorante tipico dell, nonché le modalità di richiesta, la tipologia e caratteristiche dei locali, il rispetto delle ricette e l indicazione degli ingredienti utilizzati, caratteristiche del menù e revoca e sospensione di utilizzo del marchio.

"È istituito il l Dipartimento della Giunta regionale competente in materia di turismo il Registro dei Ristoranti Tipici dell'Umbria, che ha carattere pubblico ed è riservato agli operatori del settore della ristorazione che hanno ottenuto il riconoscimento all’uso del marchio collettivo regionale. La Regione Umbria provvederà all’istituzione di un Comitato tecnico per il sistema di concessione e controllo del marchio collettivo”.          

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LA PROPOSTA “Creare il marchio ‘Ristorante tipico dell’Umbria’ per valorizzare e tutelare la cultura gastronomica umbra"

PerugiaToday è in caricamento