Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Renzi chiama il civico Fora a Roma per costruire il partito del terzo Polo. "In Umbria fiducioso percorso con il Pd"

Ai microfoni di Pasquale Punzi, Rete Sole, ha spiegato che a livello regionale, in vista di comunali e regionali 2024, serve progetto di cambiamento rispetto a quello del centrodestra

Andrea Fora, l'ispiratore dei civici di centro-sinistara, rivale giurato di leghisti e dei dirigenti di Fratelli d'Italia, ha detto sì a Matteo Renzi per un incarico nazionale finalizzato alla nascita di un partito unico del Terzo Polo, contenitore di liberali, moderati, riformisti e cattolici. Un incarico dunque aderendo in primis ad Italia Viva ma Fora ha ottenuto di tenere in piedi la rete dei civici con tanto di gruppo regionale che resterà immutato. Fora ha accettato l'incarico perchè la nascita in un partito unitario dei riformisti resta in linea con il suo progetto partito 3 anni fa e che lo ha portato in Regione e conquistare liste civiche dei territori per un progetto comune.

Ai microfoni di Pasquale Punzi, Rete Sole, ha spiegato che a livello regionale, in vista di comunali e regionali 2024, guarda con interesse al Partito Democratico e alla sua evoluzione con la nuova segreteria. Zero parole su forze di centrodestra, tantomeno quelle chiaramente di destra. "Serve una politica che unisca, che sappia lavorare nelle differenze per avviare un processo nuovo per l'Umbria che ha bisogno di un cambiamento netto. Io lavorerò per un partito nuovo, che con le reti civiche, riesca ad unire e non dividere. Sono fiducioso che il Partito Democratico possa recuperare quelle comunità e quelle sensibilità che si sono perse nel tempo, serve un Pd forte perchè sono fiducioso che anche in Umbria si possa fare un percorso insieme". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzi chiama il civico Fora a Roma per costruire il partito del terzo Polo. "In Umbria fiducioso percorso con il Pd"
PerugiaToday è in caricamento