Politica

Il blog di Franco Parlavecchio - Aquarius, l'Italia ha una sua identità. Bene Salvini e Minniti, ma prima il vuoto

Per favore cominciate a segnare i nomi e cognomi di tutti quelli che si sono scandalizzati, vergognati e schifati per la scelta fatta da Salvini di non accogliere la nave Acquarius. Saranno i primi volontari ad ospitare a casa tutti coloro che diventeranno nostri ospiti della prossima nave, a spese loro naturalmente…

Non parlo ovviamente dei profughi di guerra, quelli abbiamo il dovere di curarli e di ospitarli, un dovere morale. Parlo degli immigrati per scelta, circa il 90% per cento di quelli che arrivano in Italia. Ovviamente dovranno essere sfamati e curati, anche quelli che verranno qui con intenzioni non proprio pacifiche, quelli che hanno cultura e tradizioni diverse dalle nostre ed anche coloro che pensano che la donna valga meno di un oggetto (caratteristica già fin troppo presente nel dna nostrano…)

Bisogna anche ricordare che la proposta di chiudere i porti italiani è stata fatta prima di tutti dall’ottimo Ministro del PD Minniti, ora Salvini ha intenzione solo di realizzarla. Il danno però è stato causato da tutti i Governi precedenti a quello di Gentiloni, che non hanno mai voluto affrontare il problema, ed ora ne subiamo le conseguenze.

Ma a quanto pare la mossa del leader leghista ha fatto risvegliare l’Europa, ora pronta a ragionare per trovare delle soluzioni collettive; perché vorrei ricordare che noi siamo diventati il porto del mondo, non turistico, senza alcuna solidarietà europea, lasciati completamente soli. E a questo punto bisogna andare fino in fondo perché si darà un segnale vero anche a tutti quelli che hanno intenzione di partire, per scoraggiare questi viaggi della disperazione per qualcuno e del lucro per altri; in questo modo si salveranno più vite. E già che ci siamo penso che sarebbe il caso anche di portare un po’ di legalità come ricetta per il Paese Cercando anche di scoraggiare chi ti aspetta davanti al parcheggio per chiederti il pizzo per lasciare l’auto e “controllarla”… o anche chi vive fuori dal supermercato, pronto ad insultarti nel caso tu non sia disponibile ad offrire un po’ di monete.

Ovviamente questo non servirebbe a niente se non si trovassero condizioni migliori per i veri profughi di guerra, per farli sentire a casa, in famiglia. E non si punisse lo sfruttamento di manodopera a basso prezzo da parte di imprenditori senza scrupoli o di semplici cittadini che non rispettano le regole. Ora che la Francia ci ha insultato senza guardarsi allo specchio, Salvini è diventato una sorta di eroe nazionalpopolare. Ma questa prima decisione è un fatto importante, che non servirà a far incassare il mio voto o quello di altri, ma ha fatto guadagnare un momento di identità al nostro Paese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il blog di Franco Parlavecchio - Aquarius, l'Italia ha una sua identità. Bene Salvini e Minniti, ma prima il vuoto

PerugiaToday è in caricamento