menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Informativa Covid della Tesei, risale l'indice di contagio. Bene su vaccini ma servono scorte. Screening per gli studenti

Due settimane fondamentali per capire se è stata arginata oppure no la terza ondata

Due settimane considerate cruciali per capire, anche in Umbria, se la terza ondata dei contagi è stata arginata oppure sta iniziando la sua escalation dopo le ferie di Natale e Capodanno. La preoccupazione del mondo politico e del comitato regionale scientifico è contenuta al momento ma i dati parlano di un costante aumento da giorni degli attuali positivi in Umbria che sono ritornati sopra quota 4mila 270.

Sono tornati a salire anche i numeri in terapia intensiva e i ricoveri. Un quadro, ancora da verificare nel corso del tempo, che ha spinto l'Umbria a rinviare il ritorno a scuole per le superiori. La presidente Donatella Tesei nella sua relazione al consiglio regionale ha ribadito questo aumento dei contagi e le relative preoccupazioni della task-force regionale: "I ricoveri dovuti al covid sono 223, con 51 pazienti in terapia intensiva, il che significa avere un carico significativo per le nostre strutture ospedaliere, pur avendo ulteriori posti covid e di terapia intensiva attivabili. Purtroppo abbiamo dovuto procrastinare la ripresa delle lezioni in presenza nelle scuole superiori al 25 gennaio, nonostante fossimo pronti, anche con trasporti adeguati, a consentire la ripresa al 50 per cento".

Il periodo imposto delle lezioni da casa - via internet - servirà per portare avanti un cruciale screening volontario e gratuito tra studenti e insegnanti e vaccinare più persone possibili. Questo nella speranza di rendere sempre più a prova di anti-contagio le scuole. L'ormai famoso indice di contagio è passato da 0.72 (pre-feste) a quota 1 per cento ed è 2,14 per cento il tasso di mortalità in Umbria.Ulteriori tasselli per ribadire quanto sia importante il monitoraggio di queste due settimane."Altre 7mila dosi sono attese tra oggi e domani. Ne servono quante più possibile dato che le nostre squadre - formati ben 30 team per la vaccinazione - riescono a trattare 1500 dosi su base giornaliera".

Con le 7mila dosi si concluderà il primo vaccino per operatrori sanitari e per lavoratori e operatori delle Rsa umbre. Poi si inizierà a distanza di 20 giorni, dal primo vaccino, il richiamo. Dalla metà di febbraio si inizierà a mettere in sicurezza gli over 80, con le squadre che si recherano direttamente a casa degli anziani (13 team itineranti). La Tesei nella relazione al consiglio regionale ha ribadito che il totale complessivo delle terapie intensive in Umbria è salito a 183. Resta il nodo del personale sanitario: la carenza di certe figure a livello nazionale sta mettendo in crisi la richiesta che è cresciuta con la pandemia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento