Fase 2, c'è l'accordo tra Regione, sindacati e categorie su come riaprire i luoghi di lavoro

Condivisi cinque punti fondamentali per l’attuazione della "fase due” nei luoghi di lavoro: la salute prima di tutto

Il come prima ancora del quando. Ancora una volta sindacati, categorie e Giunta regionale si sono confrontati in maniera costruttiva sulla fase 2 per l'Umbria, quella del graduale ritorno al lavoro dopo le dolorose chiusure per pandemia. Stamattina il tavolo tra Donatella Tesei, per i sindacati la Cgil Cisl e Uil Confindustria, le associazioni di categoria Confartigianato, Cna, Camera di Commercio per discutere le modalità attuative in favore di lavoratori, dipendenti e imprese. Si sono condivisi cinque punti fondamentali per l’attuazione della "fase due” nei luoghi di lavoro: formazione e dispositivi di protezione individuali per tutti; test sierologici al riavvio delle attività con verifica periodica quindicinale; misurazione quotidiana della temperatura all’inizio del lavoro; modalità organizzative che consentano il distanziamento personale durante le attività lavorative, all’entrata, negli spogliatoi e nelle mense o locali comuni; accordo sindacale aziendale e/o territoriale. L'obiettivo anche in questa nuova fase è arginare i contagi. Soddisfatti i sindacati:  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutti i soggetti presenti hanno condiviso queste linee guida e si sono ovviamente resi disponibili a garantire la loro attuazione in tutte le attività produttive regionali - hanno affermato i segretari Sgalla, Manzotti e Bendini - Con le associazioni artigiane e del commercio abbiamo già fissato per la prossima settimana riunioni specifiche, per determinare anche attraverso gli enti bilaterali il percorso per le intese provinciali e territoriali. Abbiamo altresì sollecitato Confindustria a fissare un confronto per definire analoghe procedure da attuarsi nelle aziende di sua competenza". Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto controlli capillari per far rispettare le regole e sanzioni persanti per coloro che non rispetteranno i protocolli e gli accordi sindacali sui luoghi di lavoro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento