menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiutopoli e arresti, la sinistra presenta il conto: "Regione e Comune non governano, mandiamoli a casa"

"La situazione di Gesenu dimostra il fallimento delle politiche regionali sui rifiuti messe in campo negli ultimi anni alle quali ci siamo opposti anche quando eravamo in maggioranza. Le responsabilità vengano accertate nelle sedi competenti e in tempi rapidi". Il segretario regionale di Rifondazione Comunista, Enrico Flamini, condanna non solo la gestione Gesenu-Gest, al centro di una nuova inchiesta con tanto di arresti, ma anche la Regione.  

"Il danno per i cittadini, per la salute e l'ambiente sono enormi. Detto questo, è oramai evidente che la vicenda interessa chiaramente l'Umbria e la sua classe dirigente, a tutti i livelli. Il problema della gestione dei rifiuti è politico. La giunta regionale, tra la campagna referendaria e le "crisi" sui dirigenti alla sanità, anche sui rifiuti, non governa, non programma. Niente. Lo dicemmo allora e lo ripetiamo oggi: le privatizzazioni sono state e sono un fallimento completo". 

Flamini se la prende anche il sindaco Romizi: "Il Comune di Perugia poi non ha giocato alcun ruolo. Sono passati mesi dall'inizio della questione. Prima era tutta colpa di Boccali. E Romizi? Oramai i nastri da tagliare sono finiti. Se gli amministratori regionali e comunali non vogliono governare, smettano e se ne tornino a casa". 

"All'Umbria e Perugia - ha concluso Flamini serve la definizione di un nuovo Piano regionale dei rifiuti, in cui prevedere in maniera certa e definitiva l’esaurimento delle discariche, l’abbandono di ogni forma di incenerimento, l’adozione della strategia “Rifiuti Zero” e la ripubblicizzazione del servizio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento