menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso le Europee, il segretario dell'Idv Messina: "Europei sì, tedeschi no"

Ignazio Messina, insieme al candidato "umbro" Paolo Brutti, ha fatto tappa a Perugia per il suo tour elettorale in vista delle Europee del 25 maggio. Attacco alla Merkel e due proposte anti-nucleare e anti-tassi usurai delle banche

Missione quasi impossibile per la nuova Italia dei Valori, senza Di Pietro candidato e il nome nel simbolo, quella di superare lo sbarramento dell'4 per cento per ottenere degli eletti al parlamento Europeo il prossimo 25 maggio. Ma Ignazio Messina, segretario dell'Idv, scommette con chiunque che saranno la sorpresa delle urne e arriveranno addirittura al 4,7 per cento. L'ottimismo è il sale della vita.

A Perugia Messina conferma la sua linea politica anti-tedesca: in bella mostra lo slogan che ha suscitato nelle settimane scorse qualche polemica: "Europei non Tedeschi". Chiaro il riferimento ad una Europa dove sta bene solo la Germania della Merkel.  "In Europa - ha spiegato il segretario - bisogna farsi rispettare, Renzi e' andato in Europa dicendo che vuole farsi rispettare, il problema sono i fatti, perche' a parole ci facciamo rispettare tutti e poi alla fine la Merkel ci mette inpiedi addosso. L'Idv ha scelto come slogan elettorale 'Europei, non tedeschi' per dire che non vogliamo sottostare ad una Germania che sta massacrando i paesi piu' deboli a vantaggio della Germania stessa e dei paesi più forti".

Il primo punto di Messina è la riforma del credito: "Un tasso sul credito uguale per tutte le imprese europee: non è possibile che le Banche prestano denaro in Germania al 2-3 per cento e in Italia quando va bene siamo intorno all'8 per cento.... sempre che te lo diano. La competizione commerciale e industriale diventa impossibile a queste condizioni".

VIDEO: PROPOSTA MESSINA SUL CREDITO PER LE IMPRESE

Secondo affondo incentrato anche sull'ambiente: "Abbiamo fermato, grazie anche l'Idv, il ritorno al nucleare in Italia con un referendum partecipato da milioni di italiani. Ora dobbiamo andare in Europa per smantellare progressivamente tutte le centrali nucleari a favore di una energia pulita e rinnovabile. Abbiamo le centrali di altri Stati a pochi chilometri dai confini e questo è pericoloso quanto averle in casa". Il comizio-appuntamento di Messina vede in prima linea anche il candidato alle europee Paolo Brutti, consigliere regionale, e il capolista di Perugia per i Valori, Franco Granocchia. 

L'Idv resta legata alla lotta alla Mafia ed è convinta che a livello europeo si possa creare un fondo per l'imprese con i beni confiscati a livello internazionale ai clan: "Italia dei valori e' l'unico partito che lotta seriamente contro la mafia. Per rendere onore all'impegno di uomini come Pio La Torre dobbiamo modificare l'uso dei beni confiscati alla mafia - ha aggiunto Messina - Noi crediamo che questi beni, dopo aver garantito la funzione sociale, devono essere venduti per far si' che si utilizzino i soldi della mafia per finanziare le piccole e medie imprese, le famiglie, le forze dell'ordine. In caso contrario si fa solo un servizio alla mafia: confischi i beni ma poi non li utilizzi".

Idv-Europee maglia anti-tedeschi-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento