rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Politica

I giovani di destra al sindaco Romizi: "Che fine ha fatto la consulta dei giovani? Nessun vuole sentire la nostra voce"

"Dopo ben otto anni di legislatura ormai alle spalle e dopo che il Consiglio Comunale nell’estate del lontano 2020 su proposta del Consigliere Volpi, che teniamo a ringraziare, ha approvato l’istituzione della Consulta dei Giovani quest’ultima non ha visto ancora la luce, non si sa per quale strano motivo". Lo ha affermato Marina Tomassoni, Portavoce Provinciale Gioventù Nazionale Perugia di Fratelli d'Italia, che ha denunciato un ritardo incomprensibile che fa di Perugia uno dei pochi comuni in Umbria a non aver ancora dato vita a questo organo.

"Perugia e la sua amministrazione comunale non possono più permettersi di sottovalutare le importanti e non rinviabili esigenze delle nuove generazioni che chiedono, a gran voce, un luogo in cui scambiare idee, confrontarsi e dove portare all’attenzione dell’amministrazion comunale specifiche esigenze impossibili altrimenti da comunicare in maniera efficace".

"Speriamo - ha concluso l'esponente della destra - che nel più breve tempo possibile il Sindaco Romizi, l’Assessore competente Tuteri e la giunta tutta battano finalmente un colpo e facciano partire questo semplice e veloce processo che porterebbe i giovani perugini ad avere il loro organo di confronto e collegamento con l’amministrazione della città.  Confidiamo che ciò avvenga nel minor tempo possibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani di destra al sindaco Romizi: "Che fine ha fatto la consulta dei giovani? Nessun vuole sentire la nostra voce"

PerugiaToday è in caricamento