Politica

Alta Velocità: "Il Frecciarossa Perugia-Milano non basta, servono più collegamenti verso nord e sud"

La proposta della consigliera comunale Renda, capogruppo di Blu: "Rompere l’isolamento ormai atavico in cui la nostra Regione è stata relegata per anni"

Pressing sulla Regione e sugli organi competenzi a livello nazionale per una maggiore connessione del territorio di Perugia alla rete dell'alta velocità ferroviaria. È quello che la consigliera comunale Francesca Vittoria Renda, capogruppo di 'Blu', ha chiesto alla giunta del capoluogo attraverso un ordine del giorno presentato nei giorni scorsi. Un documento in cui si propone un tavolo urgente di concertazione per l’istituzione di almeno due coppie di Frecciarossa verso sud e due verso nord.

Nell’atto, la consigliera chiede anche all’amministrazione comunale di sollecitare il completamento del raddoppio della linea Spoleto-Foligno e il finanziamento della tratta Spoleto-Terni e, infine, di poter avere chiarimenti su tempi, costi e periodo di attivazione del secondo Frecciarossa da/e per Milano, che come annunciato dovrebbe partire dalla stazione di Milano alle 8,40 e far ritorno da Perugia alle 14,00. “Per rompere l’isolamento ormai atavico in cui la nostra Regione è stata relegata per anni - ha precisato Renda - è necessario un approccio manageriale alla programmazione e gestione, sia politica che tecnica, del sistema della mobilità. Il Frecciarossa Perugia-Milano costituisce un servizio fondamentale per l’Umbria, ma non è sufficiente, da solo, per recuperare i gravi ritardi in cui il sistema stesso si trova. Ritengo che il grande lavoro svolto dall’assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Umbria per il rilancio turistico del territorio non possa prescindere, adesso più che mai, dall’esistenza di reti infrastrutturali adeguate, che contribuiscano a favorire lo sviluppo economico del nostro territorio. Per questo Blu - ha aggiunto - continuerà a sollecitare e sostenere ulteriori iniziative che rafforzino i collegamenti da Perugia sia verso sud che verso nord attraverso l’Alta Velocità.”

A questo riguardo, la consigliera Renda ha voluto ricordare il successo riscosso dal Frecciarossa Perugia-Milano istituito nel 2018, che, nel suo primo anno di attivazione, ha fatto registrare una media di 90 passeggeri al giorno per un totale di circa cinquantamila utenti, quasi il triplo di quanto era stato inizialmente previsto, incrementato addirittura nel 2019 a 180 passeggeri giornalieri in media. "Numeri grazie ai quali - ha sottolineato la capogruppo Blu -, la Regione Umbria ha potuto ottenere un notevole sconto sul costo di gestione annuale della tratta, come da tempo chiesto dalla presidente di Blu Adriana Galgano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta Velocità: "Il Frecciarossa Perugia-Milano non basta, servono più collegamenti verso nord e sud"

PerugiaToday è in caricamento