menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Governo Gentiloni, Laffranco (Fi) conquista l'aula con un duro intervento: "Più si è fatto male, più si è stati confermati"

L'onorevole di Forza Italia ha raccolto molti applausi tra i banchi dell'opposizione e di Forza italia con un intervento in aula molto duro che ha preso di mira Maria Elena Boschi e il segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi. I passaggi più importanti dell'intervento

Un Pietro Laffranco, onorevole di Forza Italia, in grande spolvero oggi in aula dove ha parlato a nome del suo gruppo politico a riguardo della fiducia oppure no al Governo Gentiloni. Un intervento molto applaudito e rilanciato sui social perchè condito di accuse forti, seppur con toni pacati, e con una battuta velenosa nei confronti del Pd: "E' ormai stato ribattezzato Poltrone e Divani". Duri gli attacchi a Matteo Renzi e al sottosegretario di Palazzo Chigi Maria Elena Boschi.

Ma il primo attacco è dedicato al neo-Primo Ministro Gentiloni praticamente considerato un burattino nelle mani del segretario del Pd Matteo Renzi: "Il suo non è un governo di responsabilità, il suo è un governo di scopo - non per far la legge elettorale - ma per dare tempo, per una potenziale rivincità, al grande sconfitto del referendum Matteo Renzi. Il suo non è il governo del merito ma del demerito: alcune conferme nei dicasteri gridano vendetta. Più si è fatto male più si è stati confermati, più si è fatto male e più si è stati promossi".

Chiaro il riferimento ai ministri riconfermati su volontà dei partiti che sostengono la vecchia e nuova maggioranza. "Signor presidente - ha continuato Laffranco - il suo è il governo dell'inganno perchè nasce su indicazioni  di chi aveva annunciato in caso di sconfitta al referendum che avrebbe lasciato la politica. Matteo Renzi lo ha dichiarato più volte alla stampa. Lo stesso vale per il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Boschi, che aveva annunciato anche il suo ritiro della politica. Il suo partito e il suo leader delle istituzioni si sono sempre serviti e non le hanno mai servite. Questi sono motivi per dirle no al suo Governo. Le negheremo la fiducia perchè l'unica stella polare che guida Forza Italia è il bene del Paese. E speriamo che questa storia duri poco". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento