rotate-mobile
Politica

Ex Fcu, l'annuncio: "Parte il cantiere. Lavori conclusi entro l’estate del 2024, treni elettrici dal 2026"

Le anticipazioni dell'assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Enrico Melasecche

L'assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Enrico Melasecche, fissa due date per la ripartenza della ex Fcu. La prima è l'estate del 2024. La seconda, invece, è il 2026. E spiega: "Ho avuto un cordiale confronto – rende noto - con l’amministratore delegato della Salcef Spa, impresa che ha vinto la gara per la sostituzione dell’armamento ferroviario, gara espletata nel giugno scorso e che ha un valore di 70 milioni di euro". E ancora: "Ho avuto conferma dal responsabile di Rfi – aggiunge Melasecche - che i lavori inizieranno da settembre per la pulizia dei binari dagli alberelli nel frattempo cresciuti in questi anni e immediatamente dopo in ottobre/novembre si avvierà la sostituzione della massicciata, delle vecchie traversine e dei binari con quelli moderni UNI 60 che garantiscono maggiore sicurezza. Il tutto avverrà grazie alla messa in opera del treno speciale che consente una produzione standard giornaliera tale da concludere i lavori entro l’estate del 2024". E poi la questione treni. Di nuovo Melasecche: "Appena l’Art, Autorità di Regolazione dei Trasporti, darà il via al contratto per l’assegnazione decennale della gestione della Fcu - evidenzia l'assessore - , trasferiremo i quattro Minuetto che giacciono alla stazione di Umbertide all’OMC, Officina Manutenzioni Cicliche di Foligno, per la loro completa revisione in modo da utilizzare finalmente la linea elettrica e abbandonare dal 2026 i vecchissimi treni a gasolio".

La riapertura completa della Ferrovia Centrale Umbra, conclude Melasecche, "rappresenta non solo il ripristino di una linea storica che percorre dalla toscana Sansepolcro a nord, fino a Terni, a sud, l’intera Umbria, ma costituisce in qualche modo uno dei simboli della volontà di rilancio della nostra regione che aveva interpretato sei anni fa la sua chiusura come un segnale negativo di un declino inarrestabile. È per questo che, fin dalla fine del 2019, l’obiettivo della riattivazione totale è stato fra quelli prioritari di questa Giunta regionale che si accinge entro l’estate a dare il via all’enorme cantiere che, lungo tutti i circa 95 chilometri delle due tratte Ponte San Giovanni-Terni e Città di Castello-Sansepolcro, andrà a realizzare sullo stesso sedime la nuova linea a norma".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Fcu, l'annuncio: "Parte il cantiere. Lavori conclusi entro l’estate del 2024, treni elettrici dal 2026"

PerugiaToday è in caricamento