menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più seggi che candidati per i 5 Stelle in Sicilia, scatta l'Umbria per il ripescaggio: la Pavanelli vicina alla elezione

Altro via libera al Senato verso questa storica elezione postuma. La rabbia del Pd e della deputata umbra Ginetti: "Anche oggi la maggioranza ha violato la costituzione e la legge elettorale"

Emma Pavanelli, la prima dei non eletti al Senato in Umbria nella lista del Movimento 5 Stelle, si avvicina sempre di più ad una incredibile e storica elezione postuma. E tutto questo grazie alla Sicilia, dove nel 2018, i 5 Stelle hanno avuto più seggi che candidati a disposzione. Da qui il buco di senatori che ora la maggioranza di Lega-Movimento 5 Stelle vuole colmare attribuendo l'elezioni ai primi dei non eletti in alcune regioni italiane in base a dei calcoli precisi. L'Umbria è una di queste. Ed Emma Pavanelli alcune settimane fa ha incassato il via libera della Giunta per le elezioni ed immunità. Stamani respinta la richiesta del Pd - in prima linea la senatrice umbra Nadia Ginetti - di bloccare questa assegnazione perchè considerata, a loro dire, non costituzionale. 

"La maggioranza di governo - ha tuonato la deputata ex sindaco di Corciano - si consolida in Senato e fa a pezzi qualsiasi legittimità costituzionale. Oggi Lega e 5S si scambiano favori, facendo respingere dall'Aula la nostra richiesta di sospendere l'assurda proposta che ‘trasla’ l’attribuzione di un seggio vacante dalla Sicilia all’Umbria, in violazione palese della Costituzione, che all’art. 57 prevede l’obbligo di assegnazione su base regionale dei senatori eletti”.

Secondo gli esponenti del Pd si starebbe violando "il principio contenuto nell'articolo 57 della Costituzione" per il quale il Senato "deve essere eletto a base regionale".  "Come può un candidato al Senato in Umbria  rappresentare gli elettori siciliani? Come potrebbe funzionare anche il contrario?  A colpi di maggioranza, Lega e Cinque Stelle demoliscono leggi, Costituzione e principi democratici": ha concluso la Ginetti. 

Intanto però la maggioranza Lega-Movimento 5 Stelle è compatta su questa decisione e a breve dovrebbe essere tutto ratificato. L'Umbria avrebbe a sorpresa un senatore in più - Emma Pavanelli - che si dovrà dividere - per la giusta rappresentanza - tra Perugia e Palermo.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento