Venerdì, 14 Maggio 2021
Politica

Troppe "complicità" a difesa dei pusher: "La politica dia un segnale: test anti-droga per tutti"

Torna di modo la proposta di un test anti-droga per tutti gli eletti della Regione e della Provincia. E per i comuni solo per i consiglieri di Perugia dove c'è la più grave emergenza droga dell'Umbria. Stavolta la proposta lanciata dal consigliere Gianluca Cirignoni

Torna di moda il test anti-droga per amministratori e politici regionali, provinciali e del Comune di Perugia. Stavolta la scintilla è stata la super-audizione in Consiglio Regionale di tutte le associazioni e comitati di Perugia che lottano contro lo spaccio e la criminalità. E' emersa dalla discussione una profonda complicità di presunti cittadini perbene per garantire, dietro denaro, affitti, auto e coperture con prestanomi. Il capogruppo della Lega Nord Gianluca Cirignoni vuole dare un segnale ai cittadini dimostrando che i rappresentanti politici sono puliti e non sono complici.

"L'eccezionalità del problema richiede risposte eccezionali. Al fine di dare il buon esempio e per stabilire una linea di confine netta tra istituzioni e quella zona grigia, dove lecito e illecito si congiungono. Proponiamo che tutti gli eletti nelle istituzioni con sede a Perugia (Regione Umbria, Comune e Provincia di Perugia), a partire dai consiglieri regionale, si sottopongano al test antidroga". Cirignoni forse non sa che il test anti-droga è stato proposta e riproposto varie volte negli ultimi 5 anni. Ma senza trovare grandi consensi persino nel centrodestra da dove spesso è stata lanciata la provocazione. E stavolta accadrà come sempre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe "complicità" a difesa dei pusher: "La politica dia un segnale: test anti-droga per tutti"

PerugiaToday è in caricamento